MAPPA DEL SITO    Scrivi al webmaster   Aggiungi questo sito a Preferiti  

 Kiwanis International  

  Distretto Italia-San Marino

      Anno Sociale 2009/10 Governatore Valeria Gringeri                                   ... il loro futuro ha bisogno di noi

Sede Distretto Italia San Marino   Via Tirone 11, 00146 Roma     Tel. +39 06 45213397  Fax +39 06 45213301  kiwanisitalia@kiwanis.it 

 HOME
NUOVI INSERIMENTI CASELLE DI POSTA APPUNTAMENTI CONTATTI

DIRECTORY ON LINE

KIWANIS KIWANIS
DISTRETTO DISTRETTO
SERVICE SERVICE
PIANETA BAMBINIPIANETA BAMBINI
ATTIVITÀ ATTIVITÀ
RASSEGNA FOTO RASSEGNA FOTO
EVENTI EVENTI
COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI
INFORMAZIONE INFORMAZIONE
RASSEGNA STAMPA RASSEGNA STAMPA
KIWANIS JUNIOR KIWANIS JUNIOR
LINK LINK
ARCHIVIO SITI ARCHIVIO SITI
 
STATUTO DI UN CLUB DEL DISTRETTO ITALIA SAN MARINO
 

Così come adottato dal Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International

 il 1 ° maggio 1996 ed emendato il 26 giugno 2000

obbligatorio per tutti i Club del Distretto

in base alla disposizione di cui al "Club Status"

STATUTO DEL KIWANIS CLUB DI .............................. N° K

Articolo I - Nome

Sezione 1 Questa organizzazione sarà conosciuta come Kiwanis Club di …… Questo nome non potrà essere cambiato senza aver ottenuto prima il permesso del Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International.

Articolo II - Scopi

Sezione 1 ‑ Gli scopi di questo Club sono gli scopi del Kiwanis International e cioè:

·         Affermare la supremazia dei valori umani e spirituali su quelli materiali.

·         Incoraggiare l’uso quotidiano della Regola d’Oro * in tutte le relazioni umane.

·         Promuovere la ricerca ed il raggiungimento dei più alti livelli sociali, lavorativi e  professionali.

·         Sviluppare, attraverso il precetto e l’esempio, un più intelligente, efficace e durevole senso civico.

·         Offrire, attraverso i Club Kiwanis, un pratico mezzo per formare amicizie stabili, per rendere un servizio altruistico e per costruire una comunità migliore.

·         Collaborare nel creare e mantenere quel sano concetto civile ed alto ideale che rendono possibile incrementare i principi di  rettitudine, di giustizia, di patriottismo e di buona volontà.

* 1 Vangeli: Matteo 7.12 "Fai agli altri ciò che vorresti che gli altri facessero a te” .

 

Articolo III - Soci e loro qualifiche

Sezione 1 - I Soci di questo Club saranno principalmente Soci Attivi come seguito definito. Vi possono essere soltanto altre tre categorie di Soci: Senior, Privilegiati ed Onorari.

 

Sezione 2 - Un Socio può essere  membro in più di un Club Kiwanis. (6/00)

 

Sezione 3 - I Soci Attivi debbono rappresentare le più distinte categorie sociali nella comunità nella quale il Club è ubicato.

 

Sezione 4 - I Soci (eccetto gli Onorari) hanno il dovere di partecipare alle riunio­ni, ai progetti di service e ad altre attività, pagare gli oneri finanziari verso il Club, indossare gli emblemi Kiwanis, essere nominati nei Comitati, essere eletti come Officer o Consiglieri e partecipare alle riunioni ed alle assemblee del Kiwanis.

 

Sezione 5 - L'appartenenza è riservata alle persone superiori ai 18 anni di età e devono essere Soci Attivi, Senior, Privilegiati od Onorari.

 

Sezione 6 - Tutti i Soci di questo Club devono credere e sottoscrivere le finalità del Kiwanis International, devono avere elevate doti morali e essere rappresen­tativi delle più distinte categorie sociali.

 

Sezione 7 - Qualifica di Socio Attivo.

a)      Un Socio Attivo deve credere e sottoscrivere le finalità del Kiwanis International.

b)      Un Socio Attivo deve essere di elevate doti morali e rappresentativo delle più distinte categorie sociali, residente o avente rilevanti interessi nei limiti territo­riali del Club.

c)       Un Socio Attivo deve essere una persona che svolga un determinato tipo di attività o vocazione (o essere pensionato).

d)      Un Socio Attivo deve pagare una tassa di ingresso ed una quota annuale cose che gli consentiranno di godere di tutti i privilegi di Socio del Club.

 

Sezione 8 - Qualifica di Socio Senior.

a)      Un Socio Attivo che sia stato Socio Attivo in "good standing" di uno o più Club Kiwanis per non meno di 10 anni, che non sia in condizione di frequentare per motivi di salute, di lavoro o per altre circostanze, o che si troverà in una delle condizioni previste da questo Statuto, può essere eletto dal Comitato Direttivo quale Socio Senior su richiesta scritta del medesimo.

b)      Il Comitato Direttivo deve rivedere la lista dei Soci Senior almeno una volta all'anno ed ha l'autorità, per le ragioni che riterrà adeguate, di porre fine alla condizione di Socio Senior o riportare qualsiasi Socio alla condizione di Socio Attivo.

c)       Un Socio Senior è tenuto al pagamento della quota annuale per avere titolo a godere di tutti i privilegi di Socio del Club.

d)      Un Socio Senior deve osservare gli standard di frequenza e partecipazione come stabilito dal Consiglio Direttivo.

 

Sezione 9 - Qualifica di Socio Privilegiato.

a)      Un Socio Attivo di un Club con Charter che, alla data del 31 luglio 1963 o prima sia stato eletto Socio Privilegiato, può continuare ad essere Socio Privilegiato.

b)      Il Comitato Direttivo deve rivedere la lista dei Soci Privilegiati almeno una volta all'anno ed ha l'autorità, per le ragioni che riterrà adeguate, porre fine alla condizione di Socio Privilegiato o ristabilire qualsiasi Socio come Socio Attivo.

c)       nessun Socio Privilegiato deve pagare la quota annuale per avere titolo a godere di tutti i privilegi di Socio del Club. Un Socio Privilegiato è giustificato nel non rispettare le regole previste per i Soci Attivi e Senior.

d)      nessun Socio potrà essere eletto Socio Privilegiato dopo il 31 luglio 1963.

 

Sezione 10 - Qualifica di Socio Onorario.

a)      Qualsiasi persona che si sia distinto per particolari servizi pubblici resi può essere eletto dal Comitato Direttivo Socio Onorario (che non sia Socio Attivo,Senior o Privilegiato) per un periodo di un anno e può essere rieletto annual­mente.

b)      Un Socio Onorario è esentato dal pagamento sia della tassa di ingresso che di quella annuale, gode di tutti i diritti dei Soci Attivi, eccetto il diritto al voto e la eleggibilità a cariche sociali.

c)       Un Socio Onorario non ha l'obbligo della frequenza alle riunioni.

 

Articolo IV - Ammissioni e Dimissioni

Sezione 1 - Si diventa Soci Attivi di un Club o a seguito di elezione o a seguito di trasferimento da un Club Kiwanis attivo, secondo le seguenti procedure:

a)      Ogni proposta deve essere presentata da un Socio del Club al Segretario o al Comitato per lo Sviluppo e la Formazione dei Soci, recante la firma del propo­nente controfirmata da almeno un altro Socio del Club, entrambi in "good stan­ding".

b)      Tutte le proposte devono essere sottoposte al Comitato Direttivo per la presa in considerazione.

In alternativa: da osservare se contemplato.

Tutte le proposte sono riferite al Comitato Direttivo, che comunica ai Soci del Club i nomi di coloro che sono stati proposti e che saranno discussi dal Comitato Direttivo dopo due settimane.

 

c)       Ogni proposta di trasferimento ad un altro Club può essere sottoposta da un Socio di un Club direttamente al Comitato Direttivo. La richiesta deve essere inoltrata entro sei mesi di frequenza discontinua nel Club di origine.

d)      Ad una riunione del Comitato Direttivo con il quorum presente, vengono eletti i Soci e accettati i trasferimenti con i due terzi (2/3) dei voti dei presenti.

e)      Su voto favorevole del Comitato Direttivo verrà notîficata personalmente ai Soci nuovi ed aì trasferiti la decisione presa nei loro confronti e viene subito riscossa la tassa di ingresso. L'ammissione ufficiale nel Club avverrà quando tute le formalità saranno completate, e la data di ingresso verrà comunicata al Kiwanis International.

 

Sezione 2 - I Soci Senior e gli Onorari vengono eletti a maggioranza dall'intero Comitato Direttivo.

 

Sezione 3 - Un Socio può dimettersi dal Club purché non abbia pendenze economiche nei confronti del Club. Le dimissioni devono essere sottoposte per iscritto al Comitato Direttivo e diventeranno effettive una volta accettate dal Comitato. Tale Socio dimissionario non avrà più titolo a qualsiasi proprietà appartenente al Club e perderà il diritto ad usare il nome Kiwanis, l'emblema le insegne o altri marchi Kiwanis.

 

Articolo V - Disciplina

Sezione 1 - Ogni Socio Attivo, Senior o Privilegiato in ritardo di due mesi con il pagamento delle quote o altri obblighi finanziari, viene sospeso da Socio con la maggioranza dei voti del Comitato Direttivo e tale decisione gli verrà comunicata per iscritto dal Segretario. Dietro pagamento degli arretrati e su domanda di riottenere l'appartenenza il Socio può essere reintegrato nel Club con la maggioranza dei voti del Comitato entro 30 giorni dalla data della suddetta notifica. Se il Socio non è reintegrato entro 30 giorni la sua appartenenza è da ritenersi decaduta.

 

Sezione 2 ‑ Il Socio Attivo è tenuto a frequentare regolarmente le riunioni e partecipare alle attività del Club; il Comitato Direttivo deve verificare semestralmente la frequenza e la partecipazione alle attività da parte di ogni Socio. Il Comitato Direttivo valuta il coinvolgimento e la frequenza alle riunioni del Club di ogni Socio Attivo. A discrezione del Comitato ogni Socio Attivo che, senza giustificazione non frequenta le riunioni del Club e non partecipa attivamente alle sue iniziative, con il voto di maggioranza del Comitato Direttivo viene sospeso e tale decisione gli verrà notificata dal Segretario per iscritto.

 

Sezione 3 ‑ Ogni Socio Senior che senza giustificazione non frequenta le riunioni ordinarie e non partecipa alle attività del Club stabilite dal Comitato Direttivo, con voto a maggioranza del Comitato viene sospeso e di ciò verrà informato per iscritto dal Segretario.

 

Sezione 4 ‑ Ogni Socio Attivo o Senior sospeso, a seguito di richiesta al Comitato Direttivo di essere reintegrato stante l'espressa volontà di aderire agli standard di frequenza e partecipazione, può essere reintegrato con voto a maggioranza dei Comitato Direttivo entro 30 giorni dalla data della notifica scritta di sospensione inviatagli dal Segretario. Se il Socio non è reintegrato entro 30 giorni egli decade dalla qualità di Socio.

 

Sezione 5 ‑ Un esposto contro un Socio accusato di condotta sconveniente per un membro della famiglia Kiwanis deve essere fatto ad un comitato speciale nominato dal Comitato Direttivo allo scopo di indagare, fare un rapporto e una raccomandazione prima che venga presa dal Comitato Direttivo una decisione qualsiasi su tale esposto. Notizia dell'accusa, dell'indagine e della udienza sarà data al Socio in questione. Un Socio contro il quale tali accuse sono sostenute, dopo essere stato ascoltato dal Comitato Direttivo, può essere sottoposto a sanzione disciplinare o rimosso dalla carica o dall'appartenenza al Club con il voto dei due terzi (2/3) dell'intero Comitato Direttivo. (1/00).  "La condotta sconveniente per un membro della famiglia Kiwanis" (Kiwanis,  Kiwanis Junior, Circle K, Key Club, Builders Club, K‑Kids and Aktion Club) è  definita come quella condotta che:

a.      è incompatibile con i migliori interessi pubblici o di membri della famiglia Kiwanis;

b.      tende a danneggiare la stabilità o la reputazione della famiglia Kiwanis nella comunità locale o globale. (6/00)

La violazione della politica definita "condotta sconveniente per un membro della famiglia Kiwanis" può portare ad un'azione disciplinare contro il Socio offensore. L'azione disciplinare può essere una reprimenda privata, una reprimenda pubblica o dimissione dall'organizzazione. Una reprimenda privata è comunicata alla persona che ha violato la "norma di condotta" sotto forma di avvertimento. Una reprimenda pubblica richiede la notifica da parte del Consiglio Direttivo del   Distretto o del Governatore del Distretto all'individuo che ha violato la "norma  di condotta". Dimissione vuol dire rimozione dalla qualità di Officer o membro  del Club. (6/00).  Chiunque riceva una notizia scritta come stabilito in applicazione dello Statuto potrà essere ascoltato circa tutte le imputazioni mosse contro di lui o di lei e viene  data l'opportunità di fornire tutte le prove a propria difesa. Il corpo giudicante  ascolterà le risultanze e determinerà quale sanzione, se prevista, dovrà essere imposta e tale decisione sarà definitiva (6/00).

Sezione 6 ‑ Ogni persona la cui appartenenza è comunque decaduta perderà tutti  gli interessi nei fondi del Club o nelle altre proprietà e tutti i diritti all'uso del  nome Kiwanis, dell'emblema, delle insegne o altri marchi Kiwanis.

 

Articolo VI - Officers

 

Sezione 1 ‑ Gli Officers sono il Presidente, il Presidente Eletto, l'Immediato Past Presidente, il Vice Presidente (i) (indicare il numero), il Tesoriere e il Segretario.** Se, in un anno l'Immediato Past Presidente cessa di essere Socio Attivo, Senior o Privilegiato di questo Club, il Socio Attivo, Senior o Privilegiato che è stato Presidente immediatamente prima dell'Immediato Past Presidente automaticamente diventa Immediato Past Presidente.

 

* Nota ‑ Se desiderato possono esservi uffici di Assistente Segretario, Assistente Tesoriere, ed altri a seconda che il Club possa richiederli. Elencare tali cariche se vi sono 

** Dopo la loro elezione e prima che assumano la carica tutti gli Officers sono riconosciuti e designati dai titolo dell'incarico al quale essi sono stati rispettivamente eletti seguiti dal termine "Designato".

 

Sezione 2 ‑ Ciascun Officer deve essere un Socio Attivo, Senior o Privilegiato in "good standing". Nessun incarico può essere ricoperto da una stessa persona tranne quelli di:

 a. Presidente Eletto e Vice Presidente b. Segretario e Tesoriere.

Nessuno può contemporaneamente ricoprire la carica di Consigliere e una carica di Officer.

 

Sezione 3 ‑ Tutti gli Officer assumono la loro carica il primo ottobre di ogni anno e per un (1) solo anno o fino a quando i loro successori saranno regolarmente eletti e qualificati.

 

Sezione 4 ‑ Il Presidente ha i seguenti compiti e responsabilità:

a.      E' 1'Officer Esecutivo di questo Club.

b.      Presiede tutte le riunioni del Club e del Comitato Direttivo.

c.       Promuove gli Obiettivi del Kiwanis International e la positiva immagine del Kiwanis nella comunità.

d.      E' un componente di diritto di tutti i Comitati permanenti e speciali.

e.      Presenta gli scopi del Club al Distretto e gli scopi del Distretto al Club.

f.        Promuove l'incremento dei Soci e la formazione di nuovi Club Kiwanis.

g.      E' uno dei Delegati del Club alle Convention Internazionale e del Distretto.

h.      Partecipa alle riunioni di Distretto e alle riunioni di Divisione.

i.         Adempie agli altri doveri e responsabilità pertinenti la sua carica.

 

Sezione 5 ‑ In assenza del Presidente (scegliere uno dei seguenti) il Presidente Eletto o il Vice Presidente presiede tutte le riunioni del Club e del Comitato Direttivo.

 

Sezione 6 ‑ Il Presidente Eletto ha i seguenti doveri e responsabilità:

a.      E' il solo candidato per la carica di Presidente.

b.      Pianifica i services come Presidente dell'anno successivo.

c.       Durante il periodo in cui è Presidente Designato partecipa alle Convention del Distretto e Internazionale, alle conferenze del Distretto, ai training per Presidenti Designati di Club.

d.      Adempie agli altri doveri e responsabilità pertinenti la sua carica o che possono essergli assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo.

 

Sezione 7 ‑ L'Immediato Past Presidente svolge compiti e responsabilità pertinenti la sua carica o che possono essergli assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo, compresa la partecipazione alle riunioni di Divisione per la selezione del Luogotenente Governatore e del Luogotenente Governatore Eletto.

 

Sezione 8 ‑ Il Vice Presidente (i) ha quei doveri e responsabilità pertinenti il suo incarico o che possono essergli assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo.

 

Sezione 9 ‑ Il Tesoriere ha i seguenti compiti e responsabilità:

a.      Riceve tutti i denari pagati al Club e li deposita immediatamente 

b.      Effettua i pagamenti su ordine del Comitato Direttivo.

c.       Tiene la contabilità del Club sugli appositi registri contabili.

d.      In qualunque momento mette a disposizione il bilancio ed i libri contabili del Club per una ispezione da parte del Presidente, del Comitato Direttivo o di qualsiasi altro Revisore autorizzato.

e.      Fa un rendiconto mensile per il Comitato Direttivo, per la riunione annuale del Club e ogni qualvolta il Presidente o il Comitato Direttivo possano richiederlo.

f.        Svolge tutti gli altri doveri e responsabilità pertinenti il suo ufficio o che possano essergli assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo.

Facoltativo: da osservare se contemplato. Il seguente provvedimento può essere aggiunto:

g.      Dare garanzie nella forma e nell'ammontare che possono essere richiesti dal Comitato Direttivo.

 

Sezione 10 ‑ II Segretario ha i seguenti doveri e responsabilità:

a.      Quando è Segretario‑Designato partecipa ai training per Segretari‑Designati di Club.

b.      Tiene i registri e i libri dei verbali del Club compreso quello dei Soci e delle presenze.

c.        In ogni momento mette a disposizione per l'ispezione del Presidente e del Comitato Direttivo o dei Revisori autorizzati i registri e i libri dei verbali del Club.

d.      Redige i verbali delle riunioni del Club, del Comitato Direttivo e dei Comitati.

e.      Presenta tutte le fatture al Comitato Direttivo per l'approvazione.

f.        Sottopone agli Officer preposti, ai Comitati o ai Soci tutte le comunicazioni ricevute dal Kiwanis International o dal Distretto.

g.      Risponde prontamente alla corrispondenza e sottopone tutti i rapporti ufficiali richiesti dal Kiwanis lnternational o dal Distretto.

h.      Sottopone i rapporti al Club tutte le volte che il Presidente o il Comitato Direttivo lo richiedano.

i.         Adempie a tutti gli altri doveri e responsabilità pertinenti il suo ufficio o che gli possano essere assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo.

Facoltativo: da osservare se contemplato. Il seguente provvedimento può essere aggiunto:

j.        Dare garanzie nella fòrma e nell'ammontare che possono essere richiesti dal Comitato Direttivo.

 

Sezione 11 ‑ Altri Officer (se vi sono) adempiono ai doveri pertinenti il proprio ufficio o che possano essere loro assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo.

 

Articolo VII - Il Comitato Direttivo

Sezione 1 ‑ Il Comitato Direttivo è composto dagli Officer e da . . . . . . * (indicare il numero) Consiglieri eletti.

 * Nota: Il regolamento del Kiwanis International richiede non meno di cinque (5) Consiglieri eletti.

 

Sezione 2 ‑ Ogni Consigliere deve essere un Socio Attivo, Senior o Privilegiato in "good standing". 

 

Sezione 3 ‑ I Consiglieri assumono la loro carica ufficiale il 1° giorno di ottobre di ogni anno e restano in carica per due (2) anni o fino a che i loro successori saranno regolarmente eletti e qualificati. Per assicurare continuità al Comitato Direttivo, i Consiglieri possono rimanere in carica uno e due anni in occasione della prima elezione.

Alternativa n.1: da osservare se contemplato. 

 

Sezione 3 ‑1 Consiglieri assumeranno la loro carica ufficiale il I ° giorno di ottobre di ogni anno e rimarranno in carica per un (1) anno o fino a quando i loro successori saranno regolarmente eletti e qualificati.

Alternativa n.2: da osservare se contemplato.

 

Sezione 3 ‑ I Consiglieri assumeranno la loro carica ufficiale il I ° giorno di ottobre di ogni anno e rimarranno in carica per tre (3) anni o fino a quando i loro successori saranno regolarmente eletti e qualificati. Per assicurare continuità al Comitato Direttivo i Consiglieri possono rimanere in carica uno‑due e tre anni in occasione della  prima elezione.

 

Sezione 4 ‑ Il Comitato Direttivo determina le politiche e le attività del Club, elegge e disciplina i Soci, approva il budget, approva le fatture, si consiglia con i Comitati ed ha la direzione generale del Club.

 

Sezione 5 ‑ Il Comitato Direttivo si riunisce regolarmente almeno una volta al mese e ha riunioni addizionali su convocazione del Presidente o della maggioranza del Comitato Direttivo. A discrezione del Comitato Direttivo i Presidenti dei Comitati si riuniscono in sessione congiunta con il Comitato Direttivo.

 

Sezione 6 ‑ La maggioranza del Comitato Direttivo costituisce il quorum per la trattazione di tutte le questioni, eccetto i casi in cui il presente Statuto preveda il voto più ampio dell'intero del Comitato Direttivo.

 

Articolo VIII - Progetti permanenti o a lungo termine 

Sezione 1 ‑ Un Club può adottare o respingere un progetto che può durare più di un (1) anno con l'approvazione di due terzi (2/3) dei Soci Attivi, Privilegiati e Senior presenti ad una riunione regolare purché venga data notizia scritta ai Soci della proposta da adottare o da respingere almeno due (2) settimane prima della riunione. Un terzo (1/3) dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati costituisce il quorum. Non sono previsti i voti per delega o per conto degli assenti.

 

Articolo IX - Revisione delle decisioni del Comitato Direttivo 

Sezione 1 ‑ Ogni qualvolta viene presentata una richiesta firmata dalla maggioranza dei Soci del Club per cui una decisione del Comitato Direttivo debba essere riconsiderata dai Soci del Club, il Segretario del Club almeno quattordici (14) giorni prima darà notizia a tutti i Soci che è convocata una riunione speciale per rivedere le decisioni del Comitato Direttivo del Club. Tale riunione deve aver luogo entro trenta (30) giorni dalla data della richiesta. La notifica avrà effetto cinque (5) giorni dopo la sua spedizione. A tale riunione la decisione del Comitato Direttivo del Club può essere rovesciata dai due terzi (2/3) dei Soci presenti.

 

Articolo X - Comitati

Sezione 1 ‑ La struttura di base dei Comitati permanenti dei Club è stabilita dal Consiglio di Amministrazione Internazionale. La struttura di base include Comitati separati che si occupino di servizi per la comunità, sponsorizzazioni per i giovani, "Young Children: Priority One", valori umani e spirituali, amministrazione del Club, formazione e sviluppo Soci, relazioni pubbliche, finanza e raccolta fondi. Tale struttura, insieme ai doveri e responsabilità dei Comitati permanenti, è inclusa nell'Annuario e/o nel Manuale annuale dei Club e degli Officer di Distretto.

 

Sezione 2 ‑ Dove e quando esista l'opportunità di ingrandire il Kiwanis attraverso la sponsorizzazione di un nuovo Club Kiwanis, il Presidente nomina un Comitato per la Formazione di un Nuovo Club. Questo Comitato ne ha la responsabilità, come precisato nelle Procedure per la formazione di nuovi Club stabilite dal Kiwanis International.

 

Sezione 3 ‑ Qualora desiderato vi è la possibilità di allargare la struttura del Comitato creando altri Comitati permanenti che permetterebbero al Club di funzionare più efficacemente secondo i suoi bisogni ed interessi. I compiti di tali Comitati sono determinati al momento della loro creazione.

 

Sezione 4 ‑ Ogni Comitato permanente è composto di tre (3) o più Soci e rimane in carica per un (1) anno a cominciare dal 1° di ottobre. Tutti i Soci di un Comitato sono di nomina e sono soggetti a rimozione da parte del Presidente. Ogni Comitato è responsabile verso il Presidente e dovrà fare delle relazioni secondo la direzione del Presidente o del Comitato Direttivo.

 

Sezione 5 Il Presidente può nominare dei Comitati speciali che devono svolgere dei compiti che saranno definiti alla loro creazione. Tale Comitati sono soggetti all'approvazione del Comitato Direttivo.

 

Sezione 6 Ogni Comitato collabora con il corrispondente Comitato (i) del Kiwanis Intemational o del Distretto per promuovere, quando realizzabile, programmi suggeriti da tale Comitato (i).

 

 

Articolo XI - Riunioni

Sezione 1 ‑ Questo Club terrà una (1) riunione alla settimana. * Il giorno ed il luogo saranno stabilito dal Comitato Direttivo.

 Alternativa: da osservare se contemplato Sezione 1 ‑ Questo Club terrà due (2) riunioni regolarmente programmate al mese. Il giorno ed il luogo saranno determinati dal Comitato Direttivo.

*Nota ‑ Lo Statuto del Kiwanis International stabilisce che un Club abbia la scelta di tenere riunioni regolarmente programmate non meno di due (2) al mese e non più di una alla settimana.

 

Sezione 2 ‑ Se la riunione ordinaria del Club cade in giorni di festa o di vigilia, il Comitato Direttivo può fissare la riunione per un altro giorno durante la settimana interessata o cancellare la riunione, purché non vengano cancellate più di due (2) riunioni ordinarie durante l'anno amministrativo.

 

Sezione 3 ‑ Il Club può tenere altre riunioni a seconda dei desideri del Comitato Direttivo o dei Soci.

 

Sezione 4 ‑ Le riunioni regolari non dovranno avere la durata di più di una (1) ora e trenta (30) minuti, eccetto nelle occasioni speciali previa autorizzazione del Comitato Direttivo. (11 /98)

 

Sezione 5 ‑ La riunione annuale di questo Club dovrebbe essere tenuta in occasione di una riunione ordinaria non prima della prima riunione di aprile e non più tardi della seconda riunione di maggio. Ai Soci verrà data notizia, almeno due (2) settimane prima, della data e del luogo della riunione annuale. Un terzo (1/3) dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati del Club costituiscono il quorum. (11 /98)

 

Articolo XII - Candidatura ed elezione di Officer e Consiglieri

Sezione 1 ‑ L'elezione degli Officer e dei Consiglieri, eccetto il Segretario, deve essere effettuata nella riunione annuale.

Facoltativo: da osservare se contemplato

Questa decisione può essere modificata se viene richiesto che l'elezione del Segretario sia fatta dal Club nella riunione annuale, nel qual caso le sezioni 7 e 8 di questo articolo vengono modificate in conformità a tale modifica.

Sezione 2 ‑ La votazione deve essere effettuata con scheda e non può essere cumulativa. Soltanto i Soci Attivi, Senior e Privilegiati presenti e in "good standing" possono votare. Non sono ammesse votazioni per delega o per conto degli assenti.

 

Sezione 3 ‑ In una riunione ordinaria tenuta almeno cinque (5) settimane prima della riunione annuale il Presidente nomina un Comitato per le Candidature. Il Comitato è composto da non meno di cinque (5) Soci e, se possibile, la maggioranza deve essere composta da Past Presidenti. Il Presidente del Club designa il Presidente del Comitato. Il compito del Comitato è quello di fare delle candidature, con il consenso di coloro che vengono candidati e preparare le schede per l'elezione degli Officer e Consiglieri.

 

Sezione 4 ‑ Almeno due (2) settimane prima della riunione annuale il Comitato per le Candidature sottopone:

a.      Il Presidente Eletto come unica candidatura per l'ufficio di Presidente;

b.      Una lista di candidature non superiore a due (2) per ogni carica da ricoprire;

c.       Una lista di candidature non superiore al numero di Consiglieri da eleggere più tre (3).

Almeno una (1) settimana prima della riunione annuale, nel corso di una riunione ordinaria del Club, altre candidature possono essere avanzate seduta stante per ogni carica e ciò fatto tali candidature formeranno, insieme alla lista sottoposta dal Comitato ad hoc nominato, la lista finale da sottoporre per l'elezione di Officer e Consiglieri.

 

Sezione 5 ‑ Il Presidente nomina un Comitato per le Elezioni composto da non più di sette (7) Soci. I compiti di questo Comitato consistono nel distribuire, raccogliere e contare le schede e comunicare i risultati al Presidente il quale li annuncerà. La maggioranza dei voti espressi è necessaria per l'elezione di qualsiasi Officer. Se una votazione non raggiunge la maggioranza per il candidato proposto per qualsiasi carica, il Presidente stabilisce immediatamente l'ora e il luogo per un'ulteriore votazione per quella carica. Prima del seconda votazione il candidato che ottiene la votazione più bassa al primo turno viene escluso; ed in ogni votazione viene seguita la stessa procedura fino a che un (1) candidato avrà raggiunto la maggioranza di tutti i voti espressi.

 

Sezione 6 Se i nomi proposti per la candidatura sono più del numero dei Consiglieri da eleggere le persone che ricevono il più alto numero di voti occorrenti per essere eletti saranno dichiarati eletti.

 

Sezione 7 ‑ Il Segretario viene eletto entro una (1) settimana dalla riunione annuale dagli Officer e Consiglieri che compongono il Comitato Direttivo dell'anno successivo.

 

Sezione 8 ‑ Niente di quanto contenuto in questo articolo è ostativo al diritto di avanzare ulteriori candidature seduta stante durante la riunione.

 

Articolo XIII - Vacanza nelle cariche

Sezione 1 ‑ In caso di vacanza nella carica di Presidente, (sceglierne uno: [il Presidente Eletto] o [il Vice Presidente*]) lo sostituirà nella carica. In caso di vacanza nella carica di Presidente Eletto, Vice Presidente, Tesoriere o Consigliere, tale vacanza sarà colmata in una riunione ordinaria del Club mediante comunicazione della candidatura fatta una (1) settimana prima dal Comitato Direttivo. In caso di vacanza nella carica di Segretario tale vacanza sarà colmata dal Comitato Direttivo.

 * Se c'è più di un (1) Vice Presidente inserire "il primo" qui.

 

Sezione 2 ‑ Dopo l'elezione e prima del 1° ottobre in caso di impedimento o indisponibilità a ricoprire l'incarico da parte di un Officer Designato o di un Consigliere Designato, eccetto il Segretario, la vacanza sarà colmata in una riunione ordinaria di Club mediante comunicazione della candidatura fatta una (1) settimana prima dal Comitato Direttivo Designato. In caso di vacanza nella carica di Segretario per l'anno successivo, la vacanza sarà colmata dal Comitato Direttivo Designato.

 

Articolo XIV - Rimozione di Officer o Consiglieri

Sezione 1 ‑ Qualora risulti al Presidente o alla maggioranza del Comitato Direttivo del Club, o su domanda firmata dalla maggioranza dei Soci dell'intero Club e inoltrata al Comitato Direttivo del Club, che un Officer o un Consigliere mantengono una condotta sconveniente per un membro della famiglia Kiwanis o non svolgono i compiti della propria carica il Comitato Direttivo invierà comunicazione scritta dei fatti imputati all'Officer o Consigliere entro trenta (30) giorni (1 /00).  Entro i successivi trenta (30) giorni i Soci dell'intero Club terranno una riunione per valutare i fatti con almeno quattordici (14) giorni di preavviso affinché tutti i Soci possano intervenire a tale riunione. La validità di tale comunicazione si ritiene effettuata cinque (5) giorni dopo che tale convocazione è stata spedita. Nel caso che il Club con due terzi (2/3) dei voti di tutti i Soci rilevi che l'Officer o il Consigliere mantenga una condotta sconveniente per un membro della famiglia Kiwanis o non svolga i compiti del proprio ufficio e si dichiari quindi il posto vacante i Soci procederanno subito all'elezione di un nuovo Officer o Consigliere per colmare tale vuoto (1 /00).

 

Articolo XV - Obblighi Internazionali e Distrettuali

Sezione 1 Questo Club deve esercitare appieno i privilegi e i diritti di Socio del Kiwanis International e del Distretto e deve prontamente assolvere agli impegni imposti dal Kiwanis International e dal Distretto.

 

Sezione 2 Il Comitato Direttivo provvede alla pronta revisione, approvazione e spedizione di tutti i rapporti domandati od obbligatoriamente richiesti dal Kiwanis International o dal Distretto.

 

Sezione 3 ‑ Il Comitato Direttivo provvede prontamente al pagamento di tutte le  quote ed altri obblighi finanziari al Kiwanis International o al Distretto.

 

Sezione 4 Il Presidente e il Presidente Designato dovrebbero partecipare come  Delegati del Club alle Convention Internazionale e del Distretto.

 

Sezione 5 Nel caso in cui il Presidente o il Presidente Designato siano impossibilitati a partecipare alle Convention di Distretto o Internazionale questo Club elegge un Delegato Supplente.

 

Sezione 6 ‑ I Delegati e i Supplenti a tutte le Convention o ad altre riunioni del Kiwanis International o del Distretto devono essere eletti in data sufficientemente anticipata a tali riunioni per rispettare lo Statuto del Kiwanis International e del Distretto. Le spese previste per tali rappresentanti devono essere indicate nel  bilancio di previsione del Club. Il Comitato Direttivo provvede anche a inviare un idoneo rappresentante a qualsiasi altra riunione del Kiwanis International o   del Distretto a cui questo Club ha il privilegio di poter partecipare.

 

Sezione 7 ‑ Se questo Club è anche affiliato ad una Federazione i diritti, i privilegi e gli obblighi stabiliti in questo articolo con riferimento al Distretto si intendono riferiti anche alla Federazione.

 

Articolo XVI - Pubblicazioni Ufficiali*

*Nota: L'articolo XVI si riferisce soltanto ai Club esistenti negli Stati Uniti e nel Canada.

Sezione 1 ‑ Ogni Socio Attivo, Senior, Privilegiato e Onorario di un Club munito di Charter esistente negli Stati Uniti e in Canada, esclusi i Club di lingua francese in Canada, deve pagare un abbonamento alla pubblicazione ufficiale del Kiwanis International. Il prezzo dell'abbonamento sarà raccolto da ogni Socio Attivo, Senior e Privilegiato insieme alla quota sociale. Se i coniugi sono entrambi Soci di un Club Kiwanis un coniuge può non sottoscrivere l'abbonamento alla    pubblicazione ufficiale. Un Socio che appartiene a più di un Club Kiwanis deve indicare il proprio Club primario presso il quale l'abbonamento alla pubblicazione ufficiale dovrà essere pagato. (6/00)

 

Sezione 2 ‑ Questo Club annota le sottoscrizioni per le pubblicazioni ufficiali neri suoi registri contabili in uno speciale conto sottoscrizioni e tali sottoscrizioni devono essere inviate al Direttore Esecutivo del Kiwanis International. 

 

Articolo XVII - Attività Pubbliche

Sezione 1 ‑ Questo Club, tramite serene discussioni nelle sue riunioni o in qualsiasi altra circostanza, è incoraggiato a tenere i propri Soci e la comunità informati su tutte le questioni di importanza pubblica e su ogni proposta legislativa riguardante la comunità nella quale il Club è collocato.

 

Sezione 2 ‑ Questo Club ha il diritto e il dovere di tanto in tanto di esprimere con propri mezzi il suo punto di vista su tali questioni di interesse pubblico e sulle proposte legislative a condizione che nessun altro Club Kiwanis abbia lo stesso interesse.

 

Sezione 3 ‑ Quando un altro Club Kiwanis o un Club del Distretto è interessato a siffatte questioni pubbliche o proposte legislative, prima di esprimere un'opinione, questo Club deve riferire la questione, con il suo parere favorevole o contrario, al Consiglio Direttivo del Distretto. Se un Club o Club fuori Distretto sono interessati, il Club deve riferire la questione al Board of Trustees Internazionale. Previa approvazione delle proprie tesi rispettivamente dal Distretto o dal Board Internazionale, il Club può pubblicamente esprimere la propria opinione attraverso mezzi appropriati e legali.

 

Sezione 4 ‑ Questo Club non può essere usato in alcun modo per scopi politici né può, come Club, partecipare alla campagna elettorale di qualsiasi persona.

 

Articolo XVIII - Entrate

Sezione 1 ‑ Le quote di ingresso dei Soci e quelle annuali devono essere determinate dal Comitato Direttivo e approvate dal voto dei due terzi (2/3) dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati presenti in ogni riunione ordinaria, purché ne sia stata data notizia scritta ai Soci almeno due settimane prima della riunione. Tale tassa d'ingresso o quota annuale rimarranno in vigore fino a quando non saranno modificate secondo quanto stabilito in questa Sezione.

 

Sezione 2 ‑ Le entrate provenienti da fonti diverse da quelle definite in questo articolo possono essere raccolte come da decisione del Comitato Direttivo e approvate dal voto dei due terzi (2/3) dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati presenti ad ogni riunione ordinaria purché ne sia stata data notizia scritta ai Soci almeno due (2) settimane prima della riunione.

 

Sezione 3 ‑ Il denaro ricevuto dai programmi di raccolta a cui partecipi il pubblico o dai Soci ed altre persone per le attività di service sponsorizzate da questo Club, deve essere separato dai fondi amministrativi e deve essere usato esclusivamente per scopi di beneficenza, educativi, religiosi o per attività caritatevoli.

Sezione 4 ‑ Un Socio al di sotto dei venticinque (25) anni sarà sollevato dall'obbligo di pagare l'ammontare delle quote internazionali e di Distretto per un periodo di due (2) anni dalla data di entrata in questo Club purché il Socio sia stato precedentemente Socio di un programma sponsorizzata dal Kiwanis International. II Socio è tenuto al pagamento di tutte le somme in eccesso sull'ammontare delle quote internazionali e di Distretto.

 

Articolo XIX - Finanza

Sezione 1 ‑ Non più tardi del 15 ottobre il Comitato Direttivo deve adottare separati bilanci di previsione delle entrate e delle uscite dell'anno (1° ottobre ‑ 30 settembre) riguardanti le spese amministrative e i fondi per i service.

 

Sezione 2 ‑ I libri contabili dei Club devono essere verificati almeno una volta all'anno. I Revisori sono nominati dal Comitato Direttivo. I Revisori devono avere familiarità con bilanci finanziari, conciliarli con le risultanze bancarie (se necessario) e confrontarli con le entrate e le uscite dell'anno precedente. I Revisori devono essere Soci del Club ma non possono essere il Segretario o il Tesoriere. Una copia della relazione dei Revisori dovrà essere fornita all'attuale Comitato Direttivo e a tutti i Soci del Club, se richiesta. 

 

Sezione 3 ‑ Il Comitato Direttivo deve stabilire l'istituto o gli istituti depositari (dei fondi) e designare quali persone possono firmare gli assegni.

 

Sezione 4 ‑ Quando un Club si dissolve, si scioglie, gli viene revocata la Charter o cessa comunque di operare, e se vi sono fondi o altre proprietà del Club residue dopo che il Club abbia pagato tutti i debiti per i quali l'ultimo Comitato Direttivo non ha dato disposizioni, il Tesoriere deve versare tali fondi e donarà le proprietà alla Fondazione del Kiwanis International.

 

Articolo XX - Obblighi locali o nazionali

Sezione 1 ‑ Provvedimenti richiesti dalle leggi locali o nazionali come segue (elencare se vi sono):

 

Articolo XXI - Altre norme

Sezione 1 ‑ Per tutte le questioni non specificatamente previste in questo Statuto dovranno essere consultati in ordine di priorità i seguenti documenti attualmente in vigore e così come saranno emendati in futuro per decidere su tale materia:

1.      ‑Costituzione e Statuto del Kiwanis International.

2.      ‑Politiche e Procedure del Kiwanis International.

3.      ‑Statuto del Distretto.

  

Articolo XXII - Perdita di validità

Sezione 1 ‑ Nel caso in cui alcune disposizioni di questo Statuto divenissero non valide tutte le altre disposizioni restano in vigore.

 

Articolo XXIII - Norme di consultazione

Sezione 1 ‑ Per tutte le questioni importanti o di procedura che non sono specificatamente previste in questo Statuto l'Autorità consultiva è "Robert's Rules of Order Newly Revised"

 

Articolo XXIV - Emendamenti

 

Sezione 1 ‑ II presente Statuto può essere modificato se in conformità con la Costituzione e Statuto del Kiwanis International con i due terzi (2/3) dei voti dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati presenti in una riunione ordinaria purché venga data notizia ai Soci delle proposte modifiche con comunicazione scritta almeno due (2) settimane prima della riunione. Un terzo (1/3) dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati costituiscono il quorum. Non sono ammessi voti per delega o per conto degli assenti.

 

Sezione 2 ‑ Se questo Statuto è in conflitto con la Costituzione e lo Statuto del Kiwanis International attuale o come sarà emendato in futuro, questo Club dovrà modificare questo Statuto in conformità con la Costituzione ed lo Statuto Internazionali.

 

Articolo XXV - Approvazione del Kiwanis International

Sezione 1 ‑ Questo Statuto e tutti gli emendamenti o aggiunte non entreranno in vigore senza l'approvazione del Kiwanis International.

 

 

 

Cerca nel sito con Google

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE FONDATA NEL 1915 A SERVIZIO DELLA COMUNITÀ E DEI BAMBINI

Sito Web curato da Rosalba Fiduccia  webmaster@kiwanis.it