MAPPA DEL SITO    Scrivi al webmaster   Aggiungi questo sito a Preferiti  

 Kiwanis International  

  Distretto Italia-San Marino

      Anno Sociale 2009/10 Governatore Valeria Gringeri                                   ... il loro futuro ha bisogno di noi

Sede Distretto Italia San Marino   Via Tirone 11, 00146 Roma     Tel. +39 06 45213397  Fax +39 06 45213301  kiwanisitalia@kiwanis.it 

 HOME
NUOVI INSERIMENTI CASELLE DI POSTA APPUNTAMENTI CONTATTI

DIRECTORY ON LINE

KIWANIS KIWANIS
DISTRETTO DISTRETTO
SERVICE SERVICE
PIANETA BAMBINIPIANETA BAMBINI
ATTIVITÀ ATTIVITÀ
RASSEGNA FOTO RASSEGNA FOTO
EVENTI EVENTI
COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI
INFORMAZIONE INFORMAZIONE
RASSEGNA STAMPA RASSEGNA STAMPA
KIWANIS JUNIOR KIWANIS JUNIOR
LINK LINK
ARCHIVIO SITI ARCHIVIO SITI
STATUTO DEL DISTRETTO PROCEDURE APPLICATIVE
 
STATUTO DEL DISTRETTO ITALIA - SAN MARINO  

 

ADEGUAMENTO DELLO STATUTO DEL DISTRETTO ALLO STANDARD FORM INTERNAZIONALE

Testo approvato dai delegati della Convention Distrettuale in data 24 maggio 2008.

 Ratificato dall’International Board nella seduta del 21 – 24 Aprile 2010.

   doc    pdf

KIWANIS INTERNATIONAL

ITALY - SAN MARINO DISTRICT

 

DISTRICT BYLAWS

ACCORDING TO THE STANDARD FORM FOR DISTRICT BYLAWS AS AMENDED  TO AND INCLUDING JANUARY 6 2006 AND INCLUDING THE AMENDMENTS VOTED DURING THE SPECIAL CONVENTION OF COSENZA  MARCH 10, 2006  AND APPROVED BY KIWANIS INTERNATIONAL ON JUNE 24, 2006. INCLUDING THE AMENDMENTS VOTED DURING THE CONVENTION OF TAORMINA  MAY 24, 2008  AND APPROVED BY KIWANIS INTERNATIONAL ON APRIL  21 - 24, 2006.

ARTICLE I. NAME AND TERRITORIAL LIMITS

Section 1. The name of this organization shall be the Italy - San Marino District of Kiwanis International, headquartered in Rome.

Section 2. The territorial limits of this district shall be confined to the Italian Republic which incorporates San Marino Republic.

Neither the district name nor territorial limits shall be changed unless permission shall first have been obtained from the International Board of Trustees.

 

ARTICLE II. OBJECTS

Section 1. The objects of this district shall be:

a. To seek within the district and through the clubs of the district the attainment of the Objects of Kiwanis International as set forth in the International Bylaws. 

b.To increase the fellowship and cooperative effort of clubs within the district.

c. To cooperate with Kiwanis International in building new clubs and membership in existing clubs, educating club members, and strengthening club services within the district.

d. To promote participation of clubs in the general objectives, programs, and policies of the district and Kiwanis International. 

ARTICLE III. DIVISIONS

Section 1. The territory of this district shall be divided into Divisions and Regions.

Section 2. The territorial limits of these Divisions and/or Regions shall be such as delineated from time to time by the District Board of Trustees.

 

ARTICLE IV. MEMBERSHIP

Section 1. Every chartered Kiwanis club in this district shall be a member of this district. The Clubs of German language in the Autonomous Province of Bolzano can optionally choose the District to which belong to.

Section 2. Any member club more than sixty (60) days in arrears for any indebtedness to Kiwanis International or to this district shall not be considered “in good standing”.

Section 3. Any member club that fails for two (2) successive years to have at least one (1) delegate present at the annual district convention and, within thirty (30) days after a request by the District  Board of Trustees to furnish a satisfactory excuse for such failure, shall not be considered “in good standing”.

Section 4. To retain the privileges of district membership, a club must be “in good standing”, as defined from time to time by the Kiwanis International Board of Trustees.
 

ARTICLE V. OFFICERS

Section 1.

a. The officers of the district shall  be the Governor, Governor-elect, Immediate Past Governor, Secretary, Treasurer, and a Lieutenant Governor for each division, and/or a Trustee for each Region of the District. *

*Note-After their election and before their assumption of Office, all Officers shall be known and designated by the title of the Offices to which they have respecitvely been elected followed by the term “designate.”

b. No offices other than those of Secretary and Treasurer may be combined in one (1) person.

c. If in any year the Immediate Past Governor ceases to be an active, senior, or privileged member in a club of the district, the active, senior, or privileged member who served as Governor most recently prior to the Immediate Past Governor shall automatically become the Immediate Past Governor.

Section 2. The terms of all district officers shall begin on the first day of October of each year and continue for one (1) year, or until their successors shall be duly elected and qualified.

Section 3. Each district officer shall be an active, senior, or privileged member in good standing in a club of the district; and each Lieutenant Governor shall be an active, senior or privileged member in good standing in a club in the division from which elected.

 

Section 4. Each district officer has the duty and responsibility to:

a. Promote the Objects and objectives of Kiwanis International; and

b. Promote the interests of the clubs within the district.

Section 5. The Governor has the further duties and responsibilities:

a. Be the chief executive officer of the district.

b. Under the direction and supervision of the International Board of Trustees, further the Objects of Kiwanis International and promote the interests of the clubs within the district.

c. Preside at all conventions and meetings of the District Board of Trustees.

d. Attend all Conventions, Conferences, and Council Meetings of Kiwanis International.

e. Be an ex-officio member of all standing and special committees.

f. Perform such duties and responsibilities  as are currently prescribed or as may be amended in the future in the Constitution and Bylaws, the Kiwanis International Board Policies and Procedures, or the district bylaws.

Section 6. The Governor-elect has the further duties and responsibilities:

a. Attend the training conferences for Governors-elect.

b. Be responsible for the training of district officers-designate.

c. Be responsible for the training of club officers and members at the district convention.

d. Perform such duties and responsibilities  as are currently prescribed or as may be amended in the future in the Constitution and Bylaws, the Kiwanis International Board Policies and Procedures, or the district bylaws.

e. Carry out such other duties and responsibilities as are from time to time assigned by the District Board of Trustees.

Section 7. The Immediate Past Governor shall perform such duties and responsibilities as usually pertain to such office or as may be assigned by the District Board of Trustees.

Section 8. The District Secretary has the further duties and responsibilities:

a. Keep all records of the district.

b. Assist the Governor and the District Board of Trustees in conducting the business of the district.

c. Be the executive in charge or the District Office and its departments and, subject to the direction and control of the District Board of Trustees, select and supervise the staff and employees.

d. Submit to the proper officers, committees, or persons, all communications received from Kiwanis International, and cooperate with the Governor in forwarding all reports required by Kiwanis International.

e. Attend and keep the minutes of the meetings of the District Board of Trustees and the district conventions.

f. Attend all Conventions of Kiwanis International, and if invited, attend meetings of the International Council.

g. Keep the financial accounts and records and be responsible for proper internal control procedures; including the receipt, deposit, and disbursement of district and sponsored organization funds in the manner authorized and prescribed by the District Board of Trustees.

h. At all times, make available for inspection by the Governor, the District Board of Trustees, or any authorized auditors, the financial accounts, records, and books of the district and its sponsored organizations.

i. Make a report to the district at its annual convention and such other reports as directed by the Governor or the District Board of Trustees.

j. Perform such other duties and responsibilities as usually pertain to such office or as may be assigned by the Governor or the District Board of Trustees.

k. Give bond for the faithful discharge of the duties of such office, in such amount and with such sureties as are required by the District Board of Trustees.

Section 9. The District Treasurer has the further duties and responsibilities:

a. Be a member of the Finance Committee.

b. Regularly review and advise the District Board of Trustees on the financial condition of the district and its sponsored organizations.

c. Make a report at the annual convention.

 

d. Perform such other duties and responsibilities as usually pertain to such office or as may be assigned by the Governor or District Board of Trustees.

e. Give bond for the faithful discharge of the duties of such office, in such amount and with such sureties as are required by the District Board of Trustees.

 

Section 10. The Lieutenant Governors have the further duties and responsibilities:

 

a. Assist the Governor in the work of the district.

b. Represent the Governor and, under the direction of the Governor, supervise the district executive work in their respective divisions.

c. Perform such other duties and responsibilities as usually pertain to such office or as may be assigned by the Governor or District Board of Trustees. 

 
ARTICLE VI. BOARD OF TRUSTEES

 Section 1. The District Board of Trustees shall consist of the Governor, Governor-elect, Immediate Past Governor, Secretary, Treasurer, and Lieutenant Governors for each Division, and/or a Trustee for each Region*

 The District Secretary shall be a member of the District Board of Trustees, but shall be without vote.

 Section 2. The management and control of the affairs of the district not otherwise provided for in these Bylaws shall be vested in the District Board of Trustees, subjects to the supervision and control of the International Board of Trustees.

Section 3. The District Board of Trustees shall hold at least two (2) meetings during each year, one prior to October 31 at such time and place as designated by the Governor, and another in connection with the district convention at such place as shall be determined by the Board. If the first meeting is held prior to October 1, any action taken shall become effective on October 1.

 Section 4. A special meeting of the District

 Board of Trustees may be called by the Governor or two-thirds (2/3) of the members of the entire Board.

 Section 5. The District Secretary shall notify each member of the District Board of Trustees and the Executive Director in writing of the time, place, and date of any meeting at least fifteen (15) days in advance to the date of such meeting.

 Section 6. In the absence of the Governor (or Acting Governor) from a meeting, the District Board of Trustees shall designate one of its members to act as chairman.

Section 7. One-half (1/2) of the total members of the District Board of Trustees shall constitute a quorum, and a majority vote of those present shall decide any question, with the exception of those questions for which a greater proportion is specifically required in these Bylaws.

Section 8. Within thirty (30) days after any special or regular meeting of the District Board of Trustees, the District Secretary shall make a written report, as approved by the Governor, providing a synopsis of the actions taken and transmit the report to the Executive Director. A copy of the report shall either be sent to the secretary of each chartered club within the district or be published in the next district bulletin.

   

ARTICLE VII. COMMITTEES AND DEPARTMENTS

Section 1. The titles, structure and duties of district standing committee shall be those defined by the International Board of Trustees and set forth in appropriate documents of Kiwanis International.

Section 2. Each standing committee and department shall at all times cooperate with the appropriate Committee or Department of Kiwanis International and promote programs suggested by the Committee or Department among the clubs of the district.

Section 3. Subject to the approval of the District Board of Trustees, special committees may be appointed by the Governor and shall perform such duties as may be defined in their creation.

 Section 4. All committee members shall be subject to removal by the Governor. 

 

ARTICLE VIII. CONVENTIONS

Section 1. The annual convention of the district shall be held at such place and date, between March 15 and September 15, as shall be mutually agreed upon by the District Board of Trustees and the International Board of Trustees, except that no district convention shall be held within the period of thirty (30) days prior to, during, or thirty (30) days following the Convention of Kiwanis International. The place of the annual convention is established two (2) years before by the annual convention according to the suggestion of the Board of Trustees of the District.

Section 2. An invitation from any chartered club for holding an annual convention in its city shall be delivered in writing to the District Secretary.

 Section 3. Special conventions of the district shall be called by the Governor upon the request of a majority of the chartered clubs “in good standing”, or upon the request of three-fourths (3/4) of the members of the District Board of Trustees.

Section 4. The District Secretary shall mail to each chartered club and to the Executive Director of K.I. an official call to the annual convention at least sixty (60) days prior to the date of the convention, and an official call for any special convention at least thirty (30) days prior to the date of such convention. The District Board of Trustees shall have full supervision and management of all conventions.

 Section 5. For each convention, the Governor shall appoint a Committee on Credentials and a Committee on Elections, each to consist of at least three (3) members. All members of the Committee on Elections shall be delegates or delegates-at-large.

Section 6. At any convention, each chartered club “in good standing” in the district shall be entitled to seat up to three (3) delegates. Two (2) of the delegates should be the club president and president-designate. To assure proper representation, each chartered club may choose up to three (3) alternate delegates.

 Section 7. Official delegates of a newly organized Kiwanis club shall be granted full privileges at district conventions if the charter has been approved by the Board of Trustee of  Kiwanis International, even if it has not been formally presented to such club.

 

Section 8. The delegates and their alternates shall be active, senior, or privileged members in good standing of the chartered clubs they represent, and shall be elected by such clubs not less than thirty (30) days prior to the date of the annual convention or less than fifteen (15) days  prior to the date of any special convention. Their election shall be evidenced by a certificate to the District Secretary duly authenticated by the president and secretary of the club. Should any chartered club fail to so certify the election of its delegates and alternates, then the Committee on Credentials shall have the right to determinate the seating of the delegates or alternates for such chartered club.

Section 9. All officers and Past Governors of the district who are active, senior, or privileged members of a Kiwanis club of the district shall be delegates-at-large to all district conventions.

Section 10. Each accredited delegate and delegate-at-large present shall be entitled to vote on each question submitted to any convention. There shall be no voting by proxy or absentee ballot. To be accredited, a delegate or delegate-at-large must be certified according to the provision of these Bylaws and must have paid a convention registration fee, if such is required.

 Section 11. The District Board of Trustees may establish uniform convention registration fees to be paid by all persons attending any convention of the district. The proceeds derived from such registration fee shall be expended solely upon approval of the Board.
 

Section 12. The convention may propose, discuss, and adopt resolutions, and recommend matters or concerns to Kiwanis International. The convention shall also consider and act upon matters submitted to it by Kiwanis International.

 Section 13. In the absence of the Governor (or Acting Governor) from any convention of the district, the District Board of Trustees shall designate the Governor-elect, Immediate Past Governor, or a Lieutenant Governor to act as chairman.

 

 Section 14. A quorum at any convention of the district shall comprise the official delegates present, and must represent not less than one-third (1/3) of the total number of clubs within the district.

Section 15. Within thirty (30) days after any convention, the District Secretary shall make a written report, as approved by the Governor, providing a synopsis of the actions taken and shall transmit the report to the Executive Director. A copy of the report shall either be sent to the secretary of each chartered club within the district or be published in the next district bulletin.

 Section 16. In the event that in any year the District Board of Trustees shall determine by resolution that there exists a condition of emergency in the  district that compels cancellation of the annual district convention, the Board shall then establish procedures to transact any and all business that would normally be transacted by and at such convention. The preference will be to call a council meeting to be held during the period provided for district conventions. Such council shall be comprised of the Board and other persons having the status of delegates-at-large to all district conventions.

 

ARTICOLE IX. CONVENTION PROCEDURE

Section 1. The official program, of a convention as approved by the District Board of Trustees shall be the order of the day for all sessions. Changes in the program may be made from time to time by a majority vote of the delegates and delegates-at-large present and voting.

 Section 2

a. Proposed resolutions may be submitted by majority vote of a club’s board of directors to the District Secretary not less than sixty (60) days prior to the date of the district convention. Proposed resolutions may also be submitted by the District Board of Trustees or originated by the Committee on Resolutions.

 

b. All proposed resolutions shall be referred to the Committee on Resolutions for its consideration and recommendation to the convention. No resolutions other than those so submitted to or originated by the Committee on Resolutions shall be considered, unless consideration thereof shall be recommended by two-thirds (2/3) vote of the District Board of Trustees. Debate on such resolutions shall not be in order until they have been reported out by the Committee on Resolutions or the Board.

Section 3. Reports of committees, communications to the Internationl Conventions,  resolutions, amendments, and all motions may be debated during the House of Delegates, except those  “undebatable”, under “Robert’s Rules of Order-Newly Revised, or unless the Convention, by a two-thirds (2/3) vote, dispenses with debate. No Kiwanian shall speak longer than five (5) minutes at one time, except as provided in the order of the day or by a majority vote. The members of the Committee on Resolution shall have the privilege of the floor during the time that the resolutions are being considered by the delegate body, but no member of the Resolution Committee shall have the right to vote on the resolution, unless said member is an accredited delegate.

 

 

ARTICLE X. NOMINATION AND ELECTION OF OFFICERS

Section 1. Officers Other than Lieutenant Governors

a. The election of officers, except the Lieutenant Governors, shall be held at the annual convention.

b. The district Secretary is appointed by the Governor-designate with the approval of the Board of Trustees designate.

c. The official program of the annual convention shall indicate the time and  place of the election of officers.

d. The nominating and election procedure for officers to be elected at the annual convention shall be as follows:

   (1) The Governor-elect shall be the sole candidate for the office of Governor. All members  in good standing belonging to a District Club in good standing and who have  held the office of Leutenant Governor  can be candidate to the office of Governor-Elect .

     (2)  All candidates for the offices of Governor and Governor-elect and Treasurer must submit written notice of candidacy to the District Secretary no later than the beginning of the first business session of the annual convention. At that session, the Secretary shall make a report of the candidates giving such notice. All candidates for the office of Governor Elect shall submit a signed agreement to Kiwanis International to fulfill their  duties.

     (3)  A majority of all valid votes cast for each position shall be necessary for the election of the Governor, Governor-elect and Treasurer. In the event that any ballot cast for Governor or Governor-elect or Treasurer does not show a majority for any nominee for the foregoing offices, the Governor shall designate a time and a place for further balloting for such office. Prior to the second ballot, the nominee having the lowest vote on the first ballot shall be dropped; and on each succeeding ballot, the same procedure shall be followed until a nominee shall have received a majority of all valid votes cast.

e. The voting shall be by ballot only where there are two (2) or more candidates for the same office. Only accredited delegates or delegates-at-large shall be allowed to vote. There shall be no voting by proxy or absentee ballot.

 

f. Nothing in this Article shall be construed as limiting the right to make further nominations from the floor of the convention.

g. Cumulative voting shall not be permitted.

h. The election by acclamation is not permitted.

 

Section 2. Committee on Elections

a. Before the election, the District Secretary shall make available to the Committee on Elections a list of the delegates and delegates-at-large as shown by the report of the Committee on Credentials.

b. The Committee of Elections shall have general charge of the election and of distributing and counting the ballots.

c. The Committee on Elections shall report promptly to the convention the results of the balloting and the report shall be signed by a majority of the committee.

Section 3. Election of Lieutenant Governor and Governor-elect

a. The Lieutenant Governor of each division shall hold, not later than the second week in April, a conference for the purpose of electing a Lieutenant Governor and a Lieutenant Governor-elect. The time and place of this conference shall be designated by the Lieutenant Governor. Written notice shall be sent, not later than ten (10) days prior to the conference, to the president of each club in the division, and to all Past Governors and Past Lieutenant Governors of that division who are active, senior, or privileged members of a club in the division.

b. The personnel of the conference shall be the president and immediate past president of each club in the division, or their duly elected alternates, the Lieutenant Governor of the division, and all Past Governors and Past Lieutenant Governors of that division who are still active, senior, or privileged members of a club in the division.

c. The representatives present, representing not less than two-thirds (2/3) of the clubs of the division, shall constitute a quorum at the conference, and each club shall have one (1) vote for each representative present. The Lieutenant Governor and the Past Governors and Past Lieutenant Governors in attendance at the conference shall have the privilege of the floor without the right to vote, except in the event of a tie vote, in which case the Lieutenant Governor shall be entitled to vote.

 

d. The Immediate Past Lieutenant Governor shall be chairman of the conference or, if absent, the immediate predecessor, and so on. In the absence of a Past Lieutenant Governor, the conference shall elect one of its members as chairman. The conference shall elect one of its member as secretary, and such tellers as may be necessary.

e. Upon completion of organization as above outlined, the conference shall proceed to elect a Lieutenant Governor and a Lieutenant Governor-elect. The Lieutenant Governor-elect shall be the sole candidate for the office of Lieutenant Governor. However, nothing shall preclude additional nominations from the floor.  A majority of all valid votes cast for each office shall be necessary for elections. In the event that no candidate receives a majority of valid votes cast, a new election shall take place immediately, and the person receiving the fewest number of votes shall be eliminated. This procedure shall be followed until one (1) person receives a majority vote. No person shall be submitted to the conference as a candidate for Lieutenant Governor or Lieutenant Governor-elect without the consent of said person first being obtained. Each candidate for Lieutenant Governor shall give assurances of a willingness and ability to carry out the duties and responsibilities for the office of Lieutenant Governor, to attend the leadership education conferences, and to officially visit the clubs of the division. All members  in good standing belonging to a  Club in good standing and who have held the office of Club President  can be candidate to the office of Lieutenant Governor-Elect .

 

 f. A Lieutenant Governor-elect is not a district officer.

g. The division conference shall be guided by the principles, traditions, and precedents of Kiwanis International in its election of officers, and particularly consider the ability, service, and experience in Kiwanis of a proposed candidate.

h. The Lieutenant Governor shall certify the results of the election to the District Secretary and Kiwanis International immediately following the conference.

 

ARTICLE XI  -  VACANCIES IN OFFICE

Section 1. In the events of a vacancy in the office of Governor, during an administrative year, by a two-thirds (2/3) vote of the entire District Board of Trustees, the Board shall elect a Past Governor, Lieutenant Governor, or Past Lieutenant Governor who is an active, senior, or privileged member of a Kiwanis club in the district to become Governor for the unexpired term.

 Section 2. In the event of a vacancy in the office of Governor-elect during an administrative year, the vacancy for the unexpired term shall be filled by the District Board of Trustees, by a two-thirds (2/3) vote of the entire District Board, from the Lieutenant Governors or Past Lieutenant Governors who are active, senior, or privileged members of Kiwanis clubs in the district.

Section 3. In the event of a vacancy in the office of Secretary or Treasurer during an administrative year, the Governor shall appoint a qualified member of a chartered club of the district to fill that office for the unexpired term. This appointment shall be subject to the approval of the District Board of Trustees at its next meeting.

Section 4. In the event of a vacancy  in the office of Lieutenant Governor during an administrative year, the Governor shall notify the presidents of the affected division that a replacement Lieutenant Governor may be elected by a conference of the division within thirty (30) days from the date of such vacancy. In the absence of a replacement being elected by a division conference, the Governor shall appoint a qualified member of a chartered club in the same division to fill the office for the unexpired term, which appointment shall be subject to the approval of the District Board of Trustees at its next meeting.

 Section 5. In the event after election and before October 1 of disability or inability of the district officer to serve for the year for which elected, the District Board of Trustees-designate for said year shall proceed forthwith to appoint or elect the successor in the manner provided for filling vacancies in office during the administrative year. The Governor-designate shall give reasonable notice of the time and place of such election and, if absent or disabled, the Governor of the district shall act.

 

Section 6. In the event that the Governor is temporarily incapacitated and is unable to discharge the duties of the office, the District Board of Trustees shall elect, by a two-thirds (2/3) vote of the entire District Board, a Past Governor, Lieutenant Governor, or Past Lieutenant Governor who is an active, senior, or privileged member of a Kiwanis club in the district to become Acting Governor until the Governor is able to resume the duties of the office. While the Governor is incapacitated, the Acting Governor shall be the executive officer of the district and shall have all the duties, responsibilities, and authority given to the Governor by these Bylaws and the Constitution and Bylaws of Kiwanis International. If, after a period of sixty (60) days, it appears to the Board that the Governor continues to be incapacitated and is not able to resume the duties and responsibilities of office, the Board may declare the office of Governor vacant and the vacancy shall be filled in accordance with the provisions for filling vacancies in such office as contained in these Bylaws.

 

  

ARTICLE XII. REMOVAL OF OFFICERS

 Section 1. Whenever it shall appear to the Governor or a majority of the District Board of Trustees that an officer may be engaging in conduct unbecoming a Kiwanian or is failing to perform the duties of that office, the District Board shall give written notice of the alleged facts to the officer within thirty (30) days. A special meeting of the Board to consider the alleged facts shall be held within thirty-five (35) days thereafter, with at least twenty-one (21) clear days written notice being given to all members of the Board of such meeting. Service of such notice shall be deemed effective five (5) days after such notice is mailed. In the event that the Board, by two-thirds (2/3) vote of the entire Board, finds the officer has engaged in conduct unbecoming a Kiwanian or is not performing the duties of such office an declares such office vacant, a new officer to fill such vacancy shall be elected or appointed forthwith as provided in these bylaws.

 

 

ARTICLE XIII. PUBLIC ACTIVITIES

 

Section 1. The district may, from time to time, express by proper means its attitude on questions of public importance and any proposed legislation affecting communities within the territory of the district, provided that no Kiwanis clubs outside the district are affected by the same.

 Section 2. When Kiwanis clubs outside the district are affected by any such public question or proposed legislation, before expressing an opinion, the district shall refer the matter, with its recommendation, to the International Board of Trustees. Upon approval of the recommendation by the International Board, the district may publicly express its opinion through legal and proper means.

  Section 3. The district shall not be used in any way for political purposes, nor shall it as a district actively participate in the political candidacy of any person.

 

ARTICLE XIV -  REVENUE

Section 1. Each member club shall pay to the district for each of its members, with the exception of its honorary members, the sum of Euro 60 per annum as dues in addition to the annual dues  to be paid to Kiwanis International and to the amount of the annual subscription of the international magazine “KIWANIS”  as well as the social dues to be paid annually to the European Federation. The total amount shall be due annually, payable not later than sixty (60) days, and is to be based upon the membership of the respective clubs as shown by the annual reports to Kiwanis International as of September 30.  The total amount shall include all district charges other than the new member add fee and registration fees for district conventions or conferences.

Section 2. New member add fees, as established by the house of delegates, shall be paid to the district in the amount  established by the District Board of Trustees.

Section 3. Registration fees for district conventions and conferences, as established by the District Board of Trustees, shall also be paid to the district.

Section 4. The dues to be paid to the district by any new club admitted to membership during any fiscal year shall be prorated according to the unexpired portion of the fiscal year in which said club was completed.

Section 5. No financial obligation other than the revenues provided in this Article shall be placed upon the clubs by the district, except:

 

a. By a two-thirds (2/3) vote of the delegates at a convention; or

b. By a two-thirds (2/3) vote upon a referendum submitted to all clubs of the district; and with the approval of the International Board of Trustees.

 ARTICLE XV -  FINANCE

Section 1. The fiscal year of the district shall begin on October 1 and terminate on the following September 30.

Section 2. Not later than October 15, the District Board of Trustees shall approve a budget of estimated revenues and expenses, including capital expenditures, for the year.

Section 3. The books and the documents must be checked at least quarterly by the Auditors who report the results of the audits to the Governor and to the District Board of Trustee within fifteen (15) days.

 Section 4. The final report may be certified by a professional Auditor who does not belong to any Club, if the District Board of Trustee shall consider it necessary. In this case, the Board  will choose an outside professional Auditor.

 Section 5. The District Board of Trustees shall determine the official depository or depositories and shall designate those persons who shall sign checks.

Section 6. The necessary traveling expenses of all district officers when engaged in the business of the district may be paid by the district in accordance with the provisions of the budget.

Section 7. The necessary expenses of the Governor incurred in attending the Convention, Council, and any conference of Kiwanis International may be paid by the district.

.

ARTICLE XVI. NATIONAL OR LOCAL REQUIREMENTS

Section 1. The District Italy - San Marino of Kiwanis International is a non profit organization and therefore doe not give any dividend or remaining cash funds not even indirectly among its members. The rules of this Bylaws cannot be in contrast with the current laws respectively of the Italian Republic and of San Marino Republic.

Section   2.  The District Governor is the legal representative of the District.

Section 3. The District, conforming itself to Kiwanis International motto “Serving the Children of the World” adopts the contents of the Convention on the Rights of Children approved by the General Meeting of the United Nations on November 20th, 1989 and ratified by Italy Government with the law May 27th, 1991 n. 176. It primarily pursues direct objectives of social solidarity towards the children of the world through activities of social assistance, charity education and formation, safeguard and improvement of the environment and promotion of the culture and of the art. 

ARTICLE XVII. OTHER AUTHORITIES

Section 1. For authority on all matters not specifically covered by these Bylaws, the following documents, current or as amended in the future, shall be consulted in order of priority to determine such matters:

First--Kiwanis International Bylaws

Second--Kiwanis International Policies and Procedures

 

ARTICLE XVIII. PARLIAMENTARY AUTHORITY

Section 1. “Robert’s Rules of Order Newly Revised” shall be the parliamentary authority for all matters of substance or procedure not specifically covered in these Bylaws.

 

ARTICLE XIX. AMENDMENTS

Section 1. Amendments to these Bylaws, if in conformity with the Bylaws of Kiwanis International, may be adopted by a two-thirds (2/3) vote of the delegates and delegates-at-large voting at any convention. Proposed amendments, which shall be submitted only by a club in good standing or by the District Board of Trustees, shall be received by the District Secretary at least sixty (60) days prior to the date of the convention. The Secretary shall send a copy of all proposed amendments to the secretary of each chartered club not less than thirty (30) days prior to the date of the convention.

Section 2. Il these bylaws are in conflict with the Kiwanis International Bylaws, current or as amended in the future, this district shall amend these Bylaws to bring them into conformity with the Kiwanis International Bylaws.

 

ARTICLE XX. SEVERABILITY

Section 1. In the event that any provisions of these Bylaws is held invalid, all other provisions shall remain in effect.

 

 ARTICLE XXI. APPROVAL OF KIWANIS INTERNATIONAL

Section 1. These Bylaws and all amendments or additions, including any districting, redistricting, or grouping of clubs, shall not be effective unless approved by the International Board of Trustees.

 

 

 

KIWANIS INTERNATIONAL

DISTRETTO ITALIA - SAN MARINO

 

STATUTO DEL DISTRETTO

CONFORME ALLO STANDARD FORM PER LO STATUTO DEI DISTRETTI COSI’ COME EMENDATO FINO AL 6 GENNAIO 2006  E COMPRENSIVO DEGLI EMENDAMENTI VOTATI NELLA CONVENTION STRAORDINARIA DI COSENZA DEL 10 MARZO 2006 E  RATIFICATI DAL KIWANIS INTERNATIONAL IL 29 GIUGNO 2006.; COMPRENSIVO DEGLI EMENDAMENTI VOTATI NELLA CONVENTION DI TAORMINA DEL 24 MAGGIO 2008 E RATIFICATI DAL KIWANIS INTERNATIONAL IL 21- 24 APRILE 2010

 

ARTICOLO I - NOME E LIMITI TERRITORIALI

Sezione 1 - Il nome di questa organizzazione è: Kiwanis International Distretto Italia - San Marino, con sede in Roma.

Sezione 2 - I limiti territoriali del Distretto sono quelli della Repubblica Italiana che interclude la Repubblica di San Marino. Il nome del Distretto ed i confini territoriali non possono essere modificati senza la preventiva autorizzazione del Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International. 

ARTICOLO II - SCOPI

Sezione 1 - Gli scopi del Distretto sono i seguenti:

a) Realizzare nel Distretto attraverso i Club gli scopi del Kiwanis International secondo quanto stabilito dallo Statuto Internazionale.

b) Incrementare l'amicizia e la cooperazione dei Club del Distretto.

c) Collaborare con il Kiwanis International per la costituzione di nuovi Club ed il potenziamento associativo in quelli esistenti, la formazione dei soci dei Club ed il potenziamento dell'attività dei Club del Distretto.

d) Promuovere la partecipazione dei Club agli obiettivi generali, ai programmi e agli indirizzi di ordine generale del Distretto e del Kiwanis International.

ARTICOLO III - LE DIVISIONI

Sezione 1 - Il territorio di questo Distretto è suddiviso in Divisioni ed Aree territoriali.

 Sezione 2 - I confini territoriali delle Divisioni e/o delle Aree territoriali sono quelli stabiliti di volta in volta dal Consiglio Direttivo del Distretto. 

ARTICOLO IV - SOCI

Sezione 1 - Ogni Club Kiwanis munito di Charter in questo Distretto è un membro di questo Distretto. I Club di lingua tedesca della Provincia Autonoma di Bolzano hanno facoltà di scegliere il Distretto al quale appartenere.

Sezione 2 - Ogni Club membro è considerato moroso (“not in good standing”) se in ritardo per oltre sessanta (60) giorni dalla scadenza prevista per i pagamenti dovuti al Kiwanis International o al Distretto.

Sezione 3 - Ogni Club membro che per due (2) anni consecutivi non abbia partecipato con almeno un (1) delegato alla Convention annuale del Distretto e che entro trenta (30) giorni - in seguito alla richiesta del Consiglio Direttivo del Distretto - non fornisca una giustificazione plausibile per tale mancanza, sarà considerato inadempiente (“not in good standing”).

Sezione 4 - I Club, per conservare i privilegi di appartenenza al Distretto, devono essere in regola (“in good standing”) secondo i criteri stabiliti di volta in volta dal Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International.

ARTICOLO V – DIRIGENTI (Officers)

Sezione 1 -

a) I Dirigenti (Officer) del Distretto sono: Il Governatore, il Governatore Eletto, l'Immediato Past Governatore, il Segretario, il Tesoriere, il Luogotenente Governatore di ogni Divisione, e/o un Trustee per ogni Area territoriale del Distretto. *

* Nota-Dopo la elezione e prima di assumere la carica, gli Officer dovranno  essere indicati con il titolo della carica alla quale essi sono stati rispettivamente eletti seguita dal termine “designato”.

b) Le funzioni di Segretario e Tesoriere sono le uniche che possono essere raggruppate in una sola persona.

c) Se in qualsiasi anno l'Immediato Past Governatore cessa di essere un membro attivo, senior o privilegiato in un Club del Distretto, il membro attivo, senior o privilegiato che è stato l'ultimo Governatore prima dell'Immediato Past Governatore diviene automaticamente l'Immediato Past Governatore.

Sezione 2 - Tutti gli Officer del Distretto entrano in carica il 1° di ottobre di ciascun anno e continuano nella loro funzione per un (1) anno, o fino a quando i loro successori vengono regolarmente eletti e qualificati.

Sezione 3 - Ciascun Officer del Distretto deve essere un socio attivo, senior o privilegiato in regola (“in good standing”) di un Club del Distretto; ciascun Luogotenente Governatore deve essere un socio attivo, senior o privilegiato in regola in un Club della Divisione dalla quale è stato eletto.

Sezione 4 - Ciascun Officer di Distretto ha i seguenti doveri e responsabilità:

a) Promuovere gli scopi e le finalità del Kiwanis International; e

b) Promuovere gli interessi dei Club del Distretto.

Sezione 5 - Il Governatore ha i seguenti ulteriori doveri e responsabilità:

a) E' l'Officer principale dirigente del Distretto.

b) Sotto la direzione e supervisione del Consiglio di Amministrazione Internazionale promuove gli obiettivi del Kiwanis International e gli interessi dei Club del Distretto.

c) Presiede tutte le Convention e riunioni del Consiglio Direttivo del Distretto.

d) Partecipa alle Convention, alle Riunioni ed agli Incontri Consiliari del Kiwanis International.

e) E' membro di diritto di tutti i Comitati Speciali permanenti.

f) Svolge incarichi e responsabilità propri della sua carica o che possano essere modificati in futuro nella Costituzione, nello Statuto, nelle Policies e Procedures del Kiwanis International o nello Statuto del Distretto.

Sezione 6 - Il Governatore Eletto ha i seguenti ulteriori doveri e responsabilità:

a) Partecipare al training per Governatori Eletti.

b) E' responsabile del training degli Officer Designati del Distretto.

c) E' responsabile del training degli Officer e dei soci dei Club alla Convention del Distretto.

d) Svolge incarichi e responsabilità propri della sua carica o che possano essere modificati in futuro nella Costituzione, nello Statuto, nelle Policies e Procedures del Kiwanis International o nello Statuto del Distretto.

e) Svolge altri incarichi e responsabilità che gli vengono assegnate di volta in volta dal Consiglio Direttivo del Distretto.

 

 

Sezione 7 - L'Immediato Past Governatore svolge i compiti propri della sua carica o quelli che gli vengono assegnati dal Consiglio Direttivo del Distretto.

 Sezione 8 - Il Segretario del Distretto ha i seguenti ulteriori compiti e responsabilità:

a) Conserva tutti gli atti del Distretto.

b) Assiste il Governatore ed il Consiglio Direttivo del Distretto nello svolgimento degli affari del Distretto.

c) E' il dirigente in carica dell'Ufficio distrettuale e dei suoi Dipartimenti e, sotto la direzione e il controllo del Consiglio Direttivo del Distretto, sceglie e controlla il personale e gli impiegati.

d) Invia ai funzionari, ai Comitati e alle persone destinatarie le comunicazioni ricevute dal Kiwanis International e collabora con il Governatore nell'invio delle relazioni richieste dal Kiwanis International.

e) Partecipa e compila i verbali delle riunioni del Consiglio Direttivo del Distretto e delle Convention del Distretto.

f) Partecipa alle Convention del Kiwanis International, e se invitato, partecipa alle riunioni del Consiglio Internazionale.

g) Conserva i conti e i documenti finanziari ed è responsabile per i dovuti controlli di procedura interna, comprese le ricevute, i depositi e i pagamenti del Distretto ed i fondi di organizzazioni sponsorizzate secondo le direttive indicate e autorizzate dal Consiglio Direttivo del Distretto.

h) Rende in qualsiasi momento possibile l'ispezione da parte del Governatore, del Consiglio Direttivo del Distretto, o di qualsiasi Revisore autorizzato, i conti e gli atti finanziari, e i libri del Distretto e delle organizzazioni sponsorizzate.

i) Presenta una relazione alla Convention annuale del Distretto ed altre relazioni richieste dal Governatore o dal Consiglio Direttivo del Distretto.

j) Esegue ogni altro compito proprio di questa funzione o che gli venga assegnato dal Governatore o dal Consiglio Direttivo del Distretto.

k) Dà garanzia per la fedele attuazione dei compiti del suo ufficio, secondo l'ammontare e con le garanzie che sono richieste dal Consiglio Direttivo.

Sezione 9 - Il Tesoriere del Distretto ha i seguenti ulteriori compiti e responsabilità:

a) E' membro del Comitato Finanziario.

b) Verifica e consiglia regolarmente il Consiglio Direttivo del Distretto sulle condizioni finanziarie del Distretto e delle sue organizzazioni sponsorizzate.

c) Presenta una relazione alla Convention annuale.

d) Svolge quegli altri compiti propri di questa funzione o quelli che gli possono essere assegnati dal Governatore o dal Consiglio Direttivo del Distretto.

e) Dà garanzia per la fedele attuazione dei compiti del suo ufficio, secondo l'ammontare e con le garanzie richieste dal Consiglio Direttivo del Distretto. 

 

Sezione 10 - I Luogotenenti Governatori hanno i seguenti ulteriori doveri e responsabilità:

a) Assistono il Governatore nel lavoro del Distretto.

b) Rappresentano il Governatore e, sotto la direzione del Governatore stesso, controllano il lavoro esecutivo del Distretto nelle loro rispettive Divisioni.

c) Eseguono tutti gli altri compiti propri di questa funzione o che possano essere assegnati dal Governatore o dal Consiglio Direttivo del Distretto. 

ARTICOLO VI – CONSIGLIO DIRETTIVO

Sezione 1 - Il Consiglio Direttivo del Distretto è composto dal Governatore, dal Governatore Eletto, dall’Immediato Past Governatore, dal Segretario, dal Tesoriere e dai Luogotenenti Governatori per ogni Divisione e/o da un Trustee per ciascuna Area territoriale*.

Il Segretario del Distretto è membro del Consiglio Direttivo del Distretto, ma non ha diritto di voto.

 Sezione 2 - La direzione ed il controllo degli affari del Distretto non altrimenti previsti in questo Statuto saranno di pertinenza del Consiglio Direttivo del Distretto soggetti alla supervisione ed al controllo del Consiglio di Amministrazione Internazionale.

Sezione 3 - Il Consiglio Direttivo del Distretto tiene almeno due (2) riunioni all'anno, una prima del 31 ottobre nel luogo e tempo stabilito dal Governatore, ed un'altra in concomitanza con la Convention distrettuale nel tempo e nel luogo stabilito dal Consiglio. Se la prima riunione viene fissata prima del 1° ottobre le decisioni prese diventeranno esecutive il 1° ottobre.

 Sezione 4 - Una riunione straordinaria del Consiglio Direttivo del Distretto può essere convocata dal Governatore o su richiesta dei due terzi (2/3) dei membri dell'intero Consiglio.

Sezione 5 - Il Segretario del Distretto informa per iscritto ogni membro del Consiglio Direttivo del Distretto ed il Direttore Generale (Executive Director del K.I.) sull’ora, luogo e data di qualsiasi riunione con almeno quindici (15) di anticipo sulla data della riunione.

Sezione 6 - In assenza del Governatore (o del Governatore facente funzione) ad una riunione, il Consiglio Direttivo del Distretto designa uno dei suoi membri come Presidente (Chairman).

Sezione 7 - Metà (1/2) del numero totale dei Consiglieri del Direttivo distrettuale costituisce il quorum, ed il voto a maggioranza di quelli presenti decide su qualsiasi questione, con l'eccezione di quei casi in cui è richiesta specificatamente in questo Statuto una proporzione maggiore.

Sezione 8 - Entro trenta (30) giorni dalla riunione regolare o straordinaria del Consiglio Direttivo del Distretto, il Segretario distrettuale invia un rapporto scritto, approvato dal Governatore, in cui fornisce una sintesi delle delibere prese e trasmette la relazione al Direttore Generale (Executive Director del K.I.). Una copia della relazione viene inviata o al Segretario di ciascun Club munito di Charter del Distretto o pubblicata sul prossimo bollettino del Distretto.

 

ARTICOLO VII – COMITATI  E DIPARTIMENTI

Sezione 1 - La denominazione, la struttura ed i compiti dei Comitati permanenti del Distretto sono quelli definiti dal Consiglio di Amministrazione Internazionale e stabiliti nei relativi documenti del Kiwanis International.

Sezione 2 - Ogni Comitato permanente ed ogni Dipartimento deve sempre collaborare con il corrispondente Comitato e Dipartimento del Kiwanis International e promuovere i programmi proposti da tale Comitato o Dipartimento fra i Club del Distretto.

Sezione 3 - Comitati speciali possono essere costituiti dal Governatore, con l'approvazione da parte del Consiglio Direttivo del Distretto, per svolgere i compiti stabiliti all'atto della loro formazione.

Sezione 4 - Tutti i componenti dei Comitati sono soggetti a revoca da parte del Governatore. 

ARTICOLO VIII - CONVENTION

Sezione 1 – La Convention annuale del Distretto deve essere convocata, nel luogo e in una data fra il 15 marzo ed il 15 settembre, come convenuto fra il Consiglio Direttivo del Distretto ed il Consiglio di Amministrazione Internazionale, unica eccezione quella che vieta di tenere tale Convention durante lo svolgimento della Convention del Kiwanis International, e nei trenta (30) giorni che la precedono o la seguono. Il luogo della Convention annuale è stabilito con due (2) anni di anticipo dalla Convention annuale su proposta del Consiglio Direttivo del Distretto.

 Sezione 2 - L'invito da parte di un Club, munito di Charter, a tenere la Convention annuale nella propria città deve essere trasmesso per iscritto al Segretario del Distretto.

Sezione 3 - Convention straordinarie del Distretto possono essere convocate dal Governatore su richiesta della maggioranza dei Club muniti di Charter ed "in good standing", oppure su richiesta di tre quarti (3/4) dei membri del Consiglio Direttivo del Distretto.

Sezione 4 - Il Segretario del Distretto deve inviare la convocazione ufficiale a ciascun Club munito di Charter e al Direttore Generale (Executive Director del K.I.) almeno sessanta (60) giorni prima della data della Convention; nel caso di una Convention straordinaria almeno trenta (30) prima. Il Consiglio Direttivo del Distretto ha la piena supervisione e la direzione di tutte le Convention.

 

Sezione 5 - Per ogni Convention, il Governatore nomina una Commissione per la verifica dei poteri e una Commissione per le votazioni formata da almeno tre (3) soci. Tutti i membri della Commissione per le votazioni devono essere delegati o delegati di diritto.

Sezione 6 - Ogni Club munito di Charter e "in good standing" (in regola) ha il diritto di essere rappresentato in ogni Convention da tre (3) Delegati. Due (2) dei Delegati dovrebbero essere il Presidente ed il Presidente Designato. Per assicurare la propria rappresentanza, ogni Club munito di Charter può nominare fino a tre (3) Delegati supplenti.

Sezione 7 - Ai Delegati ufficiali di un Kiwanis Club di nuova formazione sono accordati tutti i diritti di partecipazione alle Convention dopo che la sua costituzione è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International, anche se la "Charter" non sia stata ancora ufficialmente consegnata.

Sezione 8 - I Delegati ed i loro supplenti devono essere soci attivi, senior o privilegiati "in good standing" dei Club muniti di Charter da loro rappresentati, e devono essere eletti non meno di trenta (30) giorni prima della data della Convention annuale oppure quindici (15) giorni prima di qualunque Convention straordinaria. La loro elezione deve essere certificata da un attestato debitamente autenticato dal Presidente e dal Segretario del Club da inviare al Segretario del Distretto. Se un Club munito di Charter non dovesse certificare l'elezione dei suoi Delegati o dei suoi supplenti, la Commissione per la verifica dei poteri ha il diritto di determinare l'ammissione dei Delegati o dei supplenti di tale Club.

Sezione 9 - Tutti gli Officer ed i Past Governatori del Distretto che sono soci attivi, senior o privilegiati di un Club Kiwanis del Distretto sono Delegati di diritto a tutte le Convention del Distretto.

Sezione 10 - Ogni Delegato effettivo ed ogni Delegato di diritto presenti, ha diritto di voto su ciascun argomento presentato in Convention. Non è permesso il voto per procura o la delega di un assente.  Per essere accreditato, un Delegato o Delegato di diritto deve essere convalidato secondo quanto stabilito in questo Statuto e deve aver pagato la quota di registrazione alla Convention nel caso che venga richiesta.

Sezione 11 - Il Consiglio Direttivo del Distretto può stabilire una cifra unica di iscrizione alla Convention per tutti i partecipanti ala Convention del Distretto. Il ricavato di detta registrazione deve essere utilizzato soltanto dietro approvazione del Consiglio Direttivo.
Sezione 12
– La Convention può proporre, discutere e adottare deliberazioni, nonché proporre e suggerire questioni che sono di interesse del Kiwanis International. La Convention prende anche in considerazione e delibera su argomenti presentati alla Convention dal Kiwanis International.

Sezione 13 - In assenza del Governatore o del Governatore facente funzione alla Convention del Distretto, il Consiglio Direttivo del Distretto nomina al loro posto il Governatore Eletto, l'Immediato Past Governatore od un Luogotenente Governatore alla funzione di Presidente della Convention.

Sezione 14 - Il quorum della Convention del Distretto comprende i Delegati ufficiali presenti, e deve rappresentare non meno di un terzo (1/3) del numero totale dei Club del Distretto.

Sezione 15 - Il Segretario del Distretto è tenuto a fare, entro trenta (30) giorni dalla Convention annuale, il verbale scritto, debitamente approvato dal Governatore, e redigere un sommario delle delibere da trasmettere al Direttore Generale (Executive Director del K.I.). Una copia di tale relazione viene inviata al Segretario di ciascun Club del Distretto oppure deve essere pubblicata sul prossimo bollettino del Distretto.

Sezione 16 - Nel caso in cui in un anno qualsiasi il Consiglio Direttivo del Distretto deliberi l'esistenza di una condizione eccezionale nel Distretto che determina la cancellazione della Convention annuale, il Consiglio dovrà stabilire le procedure necessarie per la trattazione e lo svolgimento degli affari come di norma vengono svolti in una Convention. Di preferenza si può indire la riunione del Consiglio da tenersi nel periodo previsto per le Convention del Distretto. Il Consiglio sarà composto dagli Officer e da altre persone che abbiano lo status di Delegati di diritto a tutte le Convention Distrettuali.

 

ARTICOLO IX - PROCEDURE DELLE CONVENTION

Sezione 1 - Il programma ufficiale della Convention approvato dal Consiglio Direttivo del Distretto costituisce l'ordine del giorno per tutte le sessioni. Cambiamenti nel programma possono essere fatti di volta in volta con il voto maggioritario dei Delegati e dei Delegati di diritto presenti e votanti.

Sezione 2

a) Le delibere proposte possono essere presentate da un voto maggioritario del Consiglio Direttivo di un Club al Segretario del Distretto con non meno di sessanta (60) giorni prima della data della Convention distrettuale. Le delibere proposte possono essere presentate anche dal Consiglio Direttivo del Distretto o avere origine dal Comitato delle delibere.

b) Tutte le delibere proposte vengono trasmesse al Comitato per le delibere per la presa in considerazione e segnalazione alla Convention. Nessuna delibera, tranne quelle trasmesse in tal modo o che siano del Comitato per le delibere, saranno prese in considerazione a meno che la presa in considerazione non venga raccomandata da due terzi (2/3) dei voti del Consiglio Direttivo del Distretto. La discussione su tali delibere non sarà messa all'ordine del giorno fino a quando non saranno trasmesse dal Comitato delle delibere o dal Consiglio Direttivo.

Sezione 3 - Le relazioni dei Comitato, le comunicazioni alla Convention internazionale, le delibere, gli emendamenti e tutte le mozioni possono essere ammesse al dibattito durante l’Assemblea,   tranne quelle che “non ammesse al dibattito” in base al Robert’s Rules of Order.Newly Revised, a meno che la Convention con due terzi (2/3) dei voti escluda il dibattito. Nessun Kiwaniano potrà parlare più di cinque (5)  minuti per volta, tranne se previsto nell’ordine del giorno o con il voto di maggioranza. I componenti del Comitato delle Delibere hanno il privilegio di poter parlare mentre le delibere vengono prese in considerazione dal corpo dei Delegati, ma nessun componente del Comitato delle Delibere ha diritto di voto sulle delibere, a meno che tale componente non sia un Delegato accreditato. 

 

ARTICOLO X - CANDIDATURA ED ELEZIONE DEI DIRIGENTI (OFFICER)

Sezione 1 - Dirigenti ad eccezione dei Luogotenenti Governatori

a) L'elezione dei dirigenti tranne i Luogotenenti Governatori viene tenuta nella Convention annuale.

b) Il Segretario del Distretto è nominato dal Governatore designato con l'approvazione del Consiglio Direttivo designato del Distretto.

c) Il programma ufficiale della Convention annuale deve indicare l'ora e il luogo dell'elezione dei Dirigenti.

d) La candidatura e le procedure per l'elezione dei dirigenti da eleggere alla Convention annuale sono le seguenti:

     1) Il Governatore Eletto sarà il solo candidato per la carica di Governatore. Possono essere candidati alla carica di Governatore Eletto tutti i soci “in good standing” di un Club “in good standing” del Distretto che abbiano già ricoperto la carica di Luogotenente Governatore.

     2) Tutti i candidati alla carica di Governatore, di Governatore Eletto e di Tesoriere devono inviare per iscritto la candidatura al Segretario del Distretto non più tardi dell'inizio della prima sessione di lavoro della Convention Annuale. In quella sessione, il Segretario farà una relazione sui candidati dando tale comunicazione. Tutti i candidati alla carica di Governatore Eletto dovranno presentare al Kiwanis International un  documento firmato impegnandosi a svolgere i propri doveri.

     3) Si richiede la maggioranza di tutti i voti validi per ciascuna carica per l'elezione del Governatore e del Governatore Eletto e del Tesoriere. Nel caso in cui la votazione per il Governatore o per il Governatore Eletto o per il Tesoriere non dovesse fornire la maggioranza per un candidato, il Governatore deve stabilire l'ora e il luogo per una ulteriore votazione. Prima della seconda votazione il candidato che ha ottenuto il voto più basso al primo scrutinio verrà escluso; nelle votazioni successive verrà seguita la stessa procedura fino a quando un candidato avrà ricevuto la maggioranza dei voti validi.

e) Il voto si farà per schede solo quando vi sono due (2) o più candidati per la stessa carica. Soltanto i Delegati accreditati o i Delegati di diritto saranno ammessi al voto. Non è ammesso il voto per delega o il voto degli assenti.

f) Questo articolo non limita il diritto di avanzare ulteriori candidature nel corso della Convention.

g) Non è permesso il voto cumulativo.

h) Non è ammessa l’elezione per acclamazione.

 

 Sezione 2 – Comitato per le elezioni

a) Prima delle elezioni il Segretario del Distretto deve mettere a disposizione del Comitato per le elezioni una lista dei Delegati e dei Delegati di diritto come risulta dalla relazione della Commissione verifica poteri.

b) Il Comitato per le elezioni ha l'incarico generale delle elezioni e della distribuzione e della conta dei voti.

c) Il Comitato per le elezioni deve riferire prontamente alla Convention i risultati della votazione e la relazione deve essere firmata dalla maggioranza del Comitato.

Sezione 3 – Elezione del Luogotenente Governatore e del Luogotenente Governatore Eletto
a) Il Luogotenente Governatore di ciascuna Divisione tiene, non oltre la seconda settimana di aprile, una riunione allo scopo di eleggere un Luogotenente Governatore e un Luogotenente Governatore Eletto. Il luogo e la data della riunione viene stabilita dal Luogotenente Governatore. La comunicazione scritta viene inviata non oltre dieci (10) giorni prima della riunione, ai Presidenti di ciascun Club della Divisione, e a tutti i Past Governatori e Past Luogotenenti Governatori della Divisione che risultano soci attivi, anziani o privilegiati di un Club della Divisione.

b) I componenti della riunione sono il Presidente e l'Immediato Past Presidente di ciascun Club della Divisione oppure i loro supplenti regolarmente eletti, il Luogotenente Governatore della Divisione, e tutti i Past Governatori e Past Luogotenenti Governatori di quella Divisione che risultano ancora soci attivi, anziani o privilegiati di un Club della Divisione.

c) I rappresentanti dei Club presenti, che rappresentino non meno di due terzi (2/3) dei Club della Divisione, costituiscono il quorum della riunione, e ciascun Club avrà un voto per ciascun rappresentante presente. Il Luogotenente Governatore e i Past Governatori ed i Past Luogotenenti Governatori presenti alla riunione hanno il diritto di rappresentanza senza diritto di voto, tranne nel caso di un voto di parità, nel qual caso il Luogotenente Governatore avrà diritto al voto.

d) L'Immediato Past Luogotenente Governatore è il Presidente della riunione o, in caso di sua assenza, il suo immediato predecessore e così di seguito. In assenza di un Past Luogotenente Governatore la riunione elegge uno dei suoi componenti quale Presidente. I componenti della riunione eleggono fra di loro un Segretario, e tanti scrutatori quanti ne servono.

e) Una volta completata l'organizzazione come sopra stabilito, la riunione procede alla elezione di un Luogotenente Governatore e di un Luogotenente Governatore Eletto. Il Luogotenente Governatore Eletto sarà l'unico candidato alla carica di Luogotenente Governatore. Tuttavia non sono precluse candidature aggiuntive da parte dei presenti. Per ogni elezione viene richiesta la maggioranza dei voti per ciascuna carica. Nel caso in cui nessun candidato ottiene la maggioranza dei voti validi, deve aver luogo immediatamente una nuova elezione, e la persona che riceve il numero minore di voti verrà eliminata. Questa procedura viene seguita fino a quando un (1) candidato riceva la maggioranza dei voti. Nessun può essere presentato alla riunione quale candidato per Luogotenente Governatore o per Luogotenente Governatore Eletto senza che si abbia il suo preventivo consenso. Ciascun candidato alla carica di Luogotenente Governatore deve assicurare la sua ferma volontà e capacità di assumere le responsabilità e svolgere i doveri connessi con la carica di Luogotenente Governatore, di partecipare alle riunioni di training, e di visitare in forma ufficiale i Club della Divisione. Possono essere candidati alla carica di Luogotenente Governatore Eletto tutti i soci “in good standing” di un Club “in good standing” che abbiano già ricoperto la carica di Presidente di Club.

f) Il Luogotenente Governatore Eletto non è un Officer del Distretto.

g) Le riunioni delle Divisioni devono essere improntate ai principi, alle tradizioni ed alle consuetudini del Kiwanis International nell'elezione dei suoi Dirigenti, e considerare in modo particolare l'abilità, l'attività e l'esperienza nel Kiwanis del candidato proposto.

h) Il Luogotenente Governatore deve certificare i risultati dell'elezione al Segretario del Distretto e al Kiwanis International subito dopo la riunione.

 ARTICOLO XI - VACANZA NELLE CARICHE

Sezione 1 - Nel caso si verifichi una vacanza nella carica di Governatore durante l'anno amministrativo, il Consiglio, con il voto dei due terzi (2/3) dell'intero Consiglio Direttivo del Distretto, elegge un Past Governatore, o un Luogotenente Governatore o un Past Luogotenente Governatore, che sia un socio attivo anziano o privilegiato di un Club del Distretto, alla carica di Governatore per il termine rimanente di detta carica.

Sezione 2 - Nel caso di una vacanza nella carica di Governatore Eletto durante l'anno amministrativo, il Consiglio Direttivo del Distretto provvederà alla sua sostituzione fra i Luogotenenti Governatori e i Past Luogotenenti Governatori che siano soci attivi, anziani o privilegiati di un Club del Distretto con il voto di due terzi (2/3) dell'intero Consiglio Distrettuale.

Sezione 3 - Nel caso di una vacanza nella carica di Segretario o di Tesoriere durante un anno amministrativo, il Governatore nominerà a tale carica un socio qualificato di un Club del Distretto munito di Charter per il periodo rimanente dell'anno sociale. Tale nomina è soggetta all'approvazione del Consiglio Direttivo del Distretto alla prima riunione.

Sezione 4 - Nel caso di una vacanza nella carica di Luogotenente Governatore durante un anno amministrativo, il Governatore deve informare i Presidenti della Divisione interessata che la sostituzione del Luogotenente Governatore può essere fatta mediante una riunione della Divisione entro trenta (30) giorni dalla data di tale vacanza. Nel caso in cui non venisse rimpiazzato con una elezione nel corso di una riunione della Divisione, il Governatore può nominare un socio qualificato di un Club munito di Charter della stessa Divisione per occupare la carica per il periodo rimanente dell'anno sociale. Tale nomina è soggetta all'approvazione del Consiglio Direttivo del Distretto nella prima riunione successiva.

Sezione 5 - Nel caso in cui un Officer del Distretto dopo la sua elezione e prima del 1° ottobre sia impossibilitato a ricoprire la carica per l'anno per il quale era stato eletto, il Consiglio Direttivo designato del Distretto per tale anno sociale procederà senza indugio a nominare o eleggere il successore nei modi previsti nei casi di vacanza delle cariche durante l'anno amministrativo. Il Governatore designato informa dell'ora e del luogo di tale elezione e, in caso di assenza o impossibilità, vi provvederà il Governatore del Distretto.

Sezione 6 - Nel caso in cui il Governatore non possa o sia temporaneamente incapace di svolgere i compiti del suo incarico, il Consiglio Direttivo del Distretto elegge con i due terzi (2/3) dei voti dell'intero Consiglio Distrettuale, un Past Governatore, un Luogotenente Governatore o un Past Luogotenente Governatore che sia socio attivo, anziano o privilegiato di un Club Kiwanis del Distretto per agire come Governatore Facente Funzione fino a quando il Governatore sia in grado di riprendere i suoi doveri d'ufficio. Durante l'assenza del Governatore, il Governatore Facente Funzione diventa l’Officer principale dirigente del Distretto e ha tutti i doveri, responsabilità e autorità conferite al Governatore da questo Statuto e dalla Costituzione e dallo Statuto del Kiwanis International. Se, dopo un periodo di sessanta (60) giorni, risulta al Consiglio che il Governatore continua ad essere impedito a svolgere la sua carica e non è in grado di riprendere i doveri e le responsabilità del suo incarico, il Consiglio può dichiarare vacante la carica del Governatore che verrà ricoperta secondo le norme previste per la vacanza di tale carica come stabilito da questo Statuto.

 

ARTICOLO XII - DESTITUZIONE DI DIRIGENTI (OFFICER)

Sezione 1 - Qualora il Governatore o una maggioranza del Consiglio Direttivo del Distretto dovesse notare che un Officer non si comporti secondo l'etica kiwaniana o che non svolga i doveri della sua carica, il Consiglio del Distretto dovrà informarlo di tale circostanza per iscritto entro trenta (30) giorni.

Una riunione straordinaria del Consiglio si dovrà tenere entro trentacinque (35) giorni successivi con un preavviso scritto a tutti i membri del Consiglio di almeno ventuno (21) giorni per prendere in esame questa circostanza. La comunicazione di tale notizia si considererà validamente avvenuta dopo cinque (5) giorni dalla spedizione di tale comunicazione. Nel caso in cui il Consiglio con i due terzi (2/3) dei voti dell'intero Consiglio rilevi che l’Officer non si sia comportato secondo l'etica kiwaniana o che non svolga i doveri della sua carica, dichiara tale carica vacante e un nuovo Officer sarà eletto o nominato a tale carica secondo quanto stabilito da questo Statuto.

 

ARTICOLO XIII - ATTIVITÀ DI PUBBLICO INTERESSE

Sezione 1 - Il Distretto, di volta in volta, può esprimere con i propri mezzi la sua posizione su questioni di pubblico interesse e su proposte di legge che riguardano la comunità del territorio del Distretto, purché alle stesse iniziative non venga interessato un Club Kiwanis non facente parte del Distretto.

Sezione 2 - Nel caso in cui dei Club Kiwanis non facenti parte del Distretto siano coinvolti da iniziative pubbliche, evidenziate alla sezione 1, prima di esprimere un'opinione il Distretto dovrà riferire il caso, con le proprie raccomandazioni, al Consiglio di Amministrazione Internazionale. Una volta ricevuta l'approvazione da parte del Consiglio Internazionale, il Distretto può esprimere la sua opinione pubblicamente attraverso legali ed appropriati mezzi.

Sezione 3 - Il Distretto non può essere coinvolto in nessun modo in questioni politiche, né può partecipare attivamente nell'appoggiare candidature politiche.

 

ARTICOLO XIV – ENTRATE

Sezione 1 - Ciascun Club deve pagare al Distretto per ciascuno dei suoi soci con l'eccezione dei soci onorari, la somma di Euro 60  per anno per le quote sociali oltre alle quote sociali annuali dovute al Kiwanis International e agli importi di abbonamento annuale alla rivista internazionale “KIWANIS” nonché alle quote sociali dovute annualmente alla Federazione Europea.  Il totale deve essere inviato annualmente, non oltre sessanta (60) giorni. e si basa sul numero dei soci dei rispettivi Club come risulta dal rapporto annuale al Kiwanis International. alla data del 30 settembre. Il totale include tutti i costi del Distretto tranne quelli che si riferiscono ai nuovi soci e alla tassa di iscrizione alle Convention e riunioni e del Distretto.  

 Sezione 2 - Le quote di iscrizione dei nuovi soci, come stabilito dall'Assemblea dei Delegati, vengono pagate al Distretto nell'ammontare determinato dal Consiglio Direttivo del Distretto.

Sezione 3 -   Anche le quote per l'iscrizione ai convegni e alle riunioni del Distretto, fissate dal Consiglio Direttivo del Distretto, devono essere pagate al Distretto.

Sezione 4 - Le quote che devono essere pagate al Distretto da un nuovo Club durante l'anno fiscale saranno ripartite in proporzione alla porzione dell'anno fiscale in cui il Club è stato istituito.

 Sezione 5 - Nessun altro obbligo finanziario tranne quelli previsti in questo articolo saranno imposte ai Club del Distretto, tranne – previa approvazione del Consiglio di Amministrazione Internazionale – che:

a) con il voto di due terzi (2/3) dei Delegati ad una Convention annuale;

b) con il voto di due terzi (2/3) in un referendum sottoposto a tutti i Club del Distretto.

  ARTICOLO XV - FINANZA

Sezione 1 - L'anno amministrativo del Distretto inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Sezione 2 - Il Consiglio Direttivo del Distretto approva, non oltre il 15 ottobre, il bilancio preventivo delle entrate e delle spese comprese le spese in conto capitale per l'anno.

Sezione 3 - I libri contabili  e la relativa documentazione devono essere controllati almeno trimestralmente dai Revisori, i quali riferiscono entro quindici (15) giorni i risultati delle verifiche compiute al Governatore ed al Consiglio Direttivo.

Sezione 4 - La relazione finale potrà essere certificata da professionista esterno non socio di alcun Club, qualora il Consiglio Direttivo del Distretto lo stabilisca. Lo stesso Direttivo provvederà, in tal caso, alla scelta del professionista esterno.

Sezione 5 - Il Consiglio Direttivo del Distretto stabilisce gli istituti di credito incaricati o i depositari ufficiali e nomina le persone che possono firmare gli assegni.

Sezione 6 - Le spese necessarie per i viaggi di tutti gli Officer del Distretto per l'espletamento degli affari del Distretto possono essere pagate dal Distretto secondo quanto iscritto nel bilancio preventivo. 

Sezione 7 - Le spese necessarie del Governatore per la partecipazione alla Convention, al Consiglio e alle riunioni del Kiwanis International possono essere pagate dal Distretto.

 

ARTICOLO XVI - OBBLIGHI E NORME NAZIONALI

Sezione 1 – Il Kiwanis International Distretto Italia - San Marino non ha fini di lucro e non ripartisce neanche in via indiretta utili o avanzi di gestione nonché fondi tra i soci. Le norme del presente Statuto non potranno essere in contrasto con le leggi rispettivamente vigenti nella Repubblica Italiana e nella Repubblica di San Marino.

Sezione  2     -  Il Governatore del Distretto  è il legale rappresentante del Distretto.

Sezione 3 – Il Distretto, conformandosi operativamente al motto del Kiwanis International “Serving the Children of the World” (al servizio dei bambini del mondo), fa propri i contenuti della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia approvata dalla Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 e ratificata dall’Italia con Legge 27 maggio 1991 n.176, e persegue finalità di solidarietà sociale dirette prevalentemente ai bambini del mondo attraverso attività di assistenza sociale, beneficenza, istruzione, formazione, tutela e valorizzazione dell’ambiente e promozione della cultura e dell’arte.

ARTICOLO XVII - ALTRE NORME

Sezione 1 - Per tutte le questioni non specificatamente previste in questo Statuto, per la trattazione delle stesse, si dovranno consultare in ordine di priorità i seguenti documenti, attuali o come verranno emendati in futuro:

Primo - Statuto del Kiwanis International

Secondo - Policies and Procedures del Kiwanis International

ARTICOLO XVIII – NORME DI CONSULTAZIONE

Sezione 1 - Per tutte le questioni importanti o di procedura che non sono specificatamente previste in questo Statuto il testo consultivo è: “Robert's Rules of Order Newly Revised”.

 

ARTICOLO XIX - MODIFICHE

Sezione 1 - Il presente Statuto può essere modificato solo se in conformità con lo Statuto del Kiwanis International con il voto di due terzi (2/3) dei Delegati e dei Delegati di Diritto che votano in una Convention. Le modifiche proposte, che possono essere presentate soltanto dai Club “in good standing” o dal Consiglio Direttivo del Distretto devono pervenire al Segretario del Distretto almeno sessanta (60) giorni prima della data della Convention. Il Segretario invia una copia delle proposte ai Segretari di ciascun Club muniti di Charter non meno di trenta (30) giorni prima della data della Convention.

Sezione 2 - Se questo Statuto entra in conflitto con lo Statuto del Kiwanis International, attuali o modificati successivamente, il Distretto dovrà modificare lo Statuto in conformità con lo Statuto del Kiwanis International.

 

ARTICOLO XX – INVALIDITÀ

Sezione 1 - Nel caso in cui qualsiasi disposizione di questo Statuto venga ritenuta non valida, tutte le altre disposizioni rimarranno in vigore.

 

ARTICOLO XXI - APPROVAZIONE DEL KIWANIS INTERNATIONAL

Sezione 1 - Questo Statuto e tutte le modifiche o aggiunte, compresa la suddivisione delle Divisioni, la suddivisione o il raggruppamento di Club non sarà ritenuta effettiva senza l'approvazione del Consiglio di Amministrazione Internazionale.

 

 

Il presente testo è stato :

·         esaminato dal Comitato Distrettuale “Statuto e Regolamenti”

·         esitato dal CdA Distrettuale nella seduta del 22 maggio 2008

·         approvato dai delegati della Convention Distrettuale in data 24 maggio 2008.

·         Ratificato dall’International Board nella seduta del 21 – 24 Aprile 2010.

 
PROCEDURE APPLICATIVE DELLO STATUTO
COMITATO STATUTO E REGOLAMENTI

Il C.D. del Distretto nella riunione di San Marino ha abrogato gli articoli 60 e 61 delle procedure in quanto contrastanti con gli articoli dello Statuto del Distretto.

IL DISTRETTO

RUOLO DEL DISTRETTO

1 - Il Distretto è l'aggregazione dei Kiwanis Club che operano nel territorio della Repubblica Italiana e della Repubblica di San Marino. Le attività e l'organizzazione del Distretto sono finalizzate soltanto a supportare i singoli Kiwanis Club e il Kiwanis International per conseguire gli scopi, gli obiettivi e le finalità del Kiwanis e non tendono a sminuire i service adottati dai Kiwanis Club o da singoli Kiwaniani a livello di Club. 

2 - Il Distretto è l'unità amministrativa di riferimento sia del Kiwanis International, sia del K.I. European Federation, sia delle unità territoriali interne (Divisioni e Club).

Il Consiglio Direttivo del Distretto agisce come Organo Collegiale  ed i suoi componenti, nell'esercizio delle funzioni distrettuali, perseguono i migliori interessi del Distretto senza vincolo di rappresentanza.

Il Distretto promuove la più larga partecipazione dei Club alle Convention Distrettuali, Europee e Internazionali. A tal fine il Governatore invia in tempo utile ai Club ogni informazione, anche a mezzo del sito Web, sugli aspetti delle Convention, sui principali avvenimenti assembleari, sui tempi e luoghi dello svolgimento dei lavori e sui modi della partecipazione.

3 - Il Distretto adotta le più ampie iniziative per lo sviluppo dei "Programmi Sponsorizzati"

COMITATI E/O DIPARTIMENTI  DEL DISTRETTO

Nomine

4 - Previa approvazione del Consiglio Direttivo del Distretto (District Board of Trustees), il Governatore, mentre è Governatore Eletto, nomina i Presidenti e i componenti dei Comitati del Distretto per il successivo anno amministrativo. Il Governatore del Distretto può anche nominare Comitati o istituire Dipartimenti in base a singole necessità, previa approvazione da parte del Consiglio Direttivo. Tali comitati dovranno assistere i Club del Distretto nell'applicazione degli scopi, obiettivi, linee di condotta, programmi e fini del Kiwanis.

Comitati permanenti.

5 - Ciascun Comitato Permanente, tranne il Comitato dei Past Governatori del Distretto, sono composti da tre a cinque componenti, secondo le necessità,  restano in carica per un periodo di un anno e sono rinominabili. Tutti i Comitati iniziano il loro mandato il primo giorno di Ottobre.

6 - Ciascun Comitato permanente dovrà sempre collaborare con il corrispondente Comitato del Kiwanis International nel promuovere, nei Club del Distretto, ogni programma suggerito da detto Comitato Internazionale.

La struttura di base dei Comitati comprende i Comitati Permanenti di seguito descritti.

7 - Comitato dei Past Governatori del Distretto. Il Comitato dei Past Governatori del Distretto è composto dai Past Governatori del Distretto che sono soci attivi, senior o  privilegiati dei Club  del Distretto e delibera a maggioranza dei presenti. Il Comitato stabilisce il metodo di elezione del suo Presidente e comunica il nome del Presidente così scelto al Governatore Eletto prima del 1° Ottobre. Stabilisce, inoltre,  modi e termini delle convocazioni  e del suo funzionamento. 

Il Comitato prende in esame tutte le questioni ad esso demandate dal Governatore e/o dal Consiglio Direttivo del Distretto e trasmette allo stesso le proprie conclusioni. Esso può prendere in esame d'iniziativa altri argomenti  e riferisce le proprie conclusioni sempre al Consiglio Direttivo. Un resoconto degli atti dovrà essere fornito ad ogni Componente del Comitato, al Governatore e al Segretario del Distretto.

Il Comitato si riunisce in occasione della Convention del Distretto e può tenere altre riunione su convocazione  del Presidente ovvero su motivata richiesta scritta di un terzo dei suoi componenti, senza oneri per il Distretto salvo autorizzazione del Governatore.

8 - Comitato per le Risoluzioni. Il Comitato è nominato dal Governatore Eletto. Il Comitato comprende fra i sui componenti almeno due Past-Officer del Distretto, uno dei quali è un Past Governatore.

Il Comitato prende in esame le risoluzioni sottoposte dal Board Internazionale, dal Consiglio Direttivo del Distretto o da un Club munito di charter, se pervenute per iscritto al Presidente almeno trenta giorni prima della data della Convention Annuale del Distretto. Il Comitato ha il potere di proporre sue risoluzioni e modificare, integrare e redigere tutte quelle ad esso sottoposte.

9 - Comitato per la Convention.  Il Comitato assiste il Consiglio Direttivo del Distretto nella organizzazione della Convention Distrettuale e nella formulazione ufficiale del programma e dell'ordine del giorno.

10 -  Comitato Statuto e Regolamenti. Il Comitato aggiorna lo Statuto del Distretto e formula al Consiglio Direttivo del Distretto ogni raccomandazione o suggerimento relativi a revisioni dello stesso. Collabora con il Consiglio Direttivo nella stesura degli emendamenti e fa un rapporto di tutti gli emendamenti allo Statuto del Distretto regolarmente proposti affinché possano essere presentati in qualsiasi Convention. Il Comitato dovrà inoltre collaborare con il Consiglio Direttivo nell'interpretazione dello spirito dello Statuto del Distretto e nel garantire la giusta osservanza degli obblighi derivanti dalla sua attuazione, compresa la soluzione di ogni controversia interpretativa comunque insorta.

11 - Comitato Training e Leadership Education. Il Comitato assiste il Governatore Eletto  nella organizzazione dei training di formazione kiwaniana di cui alle procedure numero 23 e 24.

12. Il Comitato per i Service alla Comunità. Il Comitato studia e suggerisce metodi e strumenti mediante i quali i Club, fermi restando i service autonomamente da essi programmati per la comunità, siano incoraggiati a realizzare quelli proposti dal Distretto e quelli di portata internazionale indicati dal Kiwanis.

13 - Comitato per la costituzione di Nuovi Club, mantenimento e sviluppo dei Soci. Il Comitato studia le opportunità di introdurre il Kiwanis in nuove comunità del Distretto. Offrendo la sua collaborazione, stimola i Club esistenti nell'impegno ad ampliare il campo del service Kiwaniano con la costituzione di nuovi Club.

Collabora inoltre con tutti i Club del Distretto assistendoli nel mantenere e aumentare il numero dei Soci fornendo loro orientamenti e supporti atti a coinvolgere i Soci stessi nel service e nell'attività dei Club.

Il Comitato è presieduto dall'Immediato Past Governatore.

14 - Comitato per i Programmi Sponsorizzati. Il Comitato per il Kiwanis Junior è nominato dal Governatore Eletto prima dell'inizio dell'anno sociale.

Tutti gli atti adottati dal Comitato sono soggetti alla supervisione e al controllo del Consiglio Direttivo del Distretto. Il presidente del Comitato assume la qualifica di Amministratore Distrettuale e tiene i rapporti tra il Consiglio Direttivo del Distretto e l'Organizzazione del Kiwanis Junior.

Ove si organizzino nel Distretto altri programmi sponsorizzati quali Aktion Club, Builders Club, K-Kids, Key Club e Circle Club, essi possono essere assistiti dal Comitato oppure possono essere nominati, ove ne esista la necessità, gli altri specifici Comitati previsti dalle Procedure Internazionali.

15- La struttura del Distretto può comprendere, ove necessario, gli altri Comitati permanenti previsti dalle Procedure Internazionali.

Comitati Aggiuntivi.

16 - Niente può precludere il diritto del Governatore in carica di nominare, con l'approvazione del Consiglio Direttivo del Distretto, Comitati Aggiuntivi in conformità con quanto  previsto dal Modello Standard dello Statuto del Distretto (Standard Form for District Bylaws), al fine di agevolarlo nell'attuare una efficace leadership,  diretta a conseguire gli scopi e gli obiettivi che egli stesso ha stabilito per l'anno amministrativo. Altri Comitati possono essere nominati dal Governatore Eletto prima del 1° Ottobre. Tutti i Comitati Aggiuntivi, nell'arco dell'anno amministrativo, restano in carica per il tempo stabilito rispettivamente dal Governatore e dal Governatore Eletto.

Comitato per la disciplina

Qualsiasi controversia che dovesse insorgere tra il Governatore del Distretto ed i Club e le Divisioni ed i Soci, tra Consiglio Direttivo del Distretto ed i Club o i Soci, tra Club, tra Soci e Club, può essere sottoposta al Comitato per la disciplina composto da un Past Governatore che lo presiede e da due membri che abbiano svolto la funzione di Presidente di Club e/o Luogotenente Governatore.

Il Presidente assegna ad uno dei membri le funzioni di Segretario del Comitato.

Tale Comitato per la disciplina, sarà nominato annualmente dal Consiglio Direttivo del Distretto nella prima seduta ed i suoi membri, potranno essere confermati.

I procedimenti, liberi da formalità di procedure ma nel rispetto del principio del contraddittorio,sono istaurati su istanza di chi vi abbia interesse.

Le delibere del Comitato per la Disciplina sono definitive e debbono essere trasmesse alle parti interessate e, comunque, al Consiglio Direttivo del Distretto, che può adottare i provvedimenti del caso.

Ogni atto o fatto contrario o non conforme alle regole ed ai principi su cui si fondono l’etica ed il buon comportamento kiwaniano, sarà censurato con i seguenti mezzi:

·        Censura scritta;

·        Sospensione dalla carica e/o dalla qualità di socio fino a due mesi;

·        Destituzione dalla carica e/o radiazione dal Kiwanis.

Ogni violazione sistematica delle norme statutarie e/o regolamentari da parte dei Club e/o delle Divisioni e/o dei soci sarà censurata con i seguenti mezzi:

·        Sostituzione d’ufficio dei soci inadempienti;

·        Nei casi più gravi, sospensione della Charter con le conseguenze previste, con deferimento al Kiwanis International per la revoca definitiva della Charter.

Le sanzioni di cui sopra saranno adottate dal Consiglio Direttivo del Distretto, a cui riferirà con relazione scritta il Comitato per la Disciplina.

Tuttavia nei casi urgenti e gravi, il Comitato per la Disciplina potrà adottare, su richiesta del Governatore ed in linea provvisoria – salvo conferma del Consiglio Direttivo del Distretto – tutti i provvedimenti di cui sopra ad eccezione della censura scritta e della radiazione dal Kiwanis.

Il singolo socio o il Club, colpite dalle suddette sanzioni disciplinari provvisorie, potrà ricorrere contro i provvedimenti stessi, entro 10 giorni dalla loro comunicazione, davanti al Consiglio Direttivo di Distretto che, alla prima riunione esaminerà i ricorsi e deciderà.

In ogni caso, il socio e il Club, in persona del Presidente o di chi ne fa le veci, dovrà essere convocato perché possa sviluppare le proprie difese oralmente o con memoria.

Le dimissioni del socio dal Kiwanis interrompono, comunque, la procedura e, dopo che le stesse siano state comunicate al Comitato per la Disciplina o al Governatore, non è consentito emettere la sanzione né, se già combinata, di comunicarla al socio dimissionario o al Club a cui apparteneva.

OFFICER DEL DISTRETTO

17 - Consiglio Direttivo del Distretto

 Il Consiglio Direttivo è l'organo amministrativo del Distretto. Le responsabilità e i compiti di detto Direttivo  sono descritti nello Statuto Internazionale e nello Statuto del Distretto (International Bylaws and District Bylaws).

18 - Compiti e Responsabilità

I compiti e le responsabilità degli Officer del Distretto sono descritti nello Statuto Internazionale e nello Statuto del Distretto (International Bylaws and District Bylaws).

19 - Presentazione delle candidature.

Le candidature alle cariche elettive distrettuali, tranne che per i Luogotenenti Governatori, sono presentate alla Segreteria del Distretto, con allegato il curriculum vitae dei candidati, mediante spedizione con lettera raccomandata con avviso di ricevimento o via fax o per posta elettronica.

Il Segretario del Distretto dà sollecita conferma ai candidati  del ricevimento della candidatura ed invia tempestivamente ai Club copia delle candidature stesse, con gli allegati, pervenute fino a trenta giorni prima dell'inizio dell'Assemblea Generale dei Delegati.

Le candidature possono essere proposte direttamente all'Assemblea Generale, e in forma scritta, al Segretario del Distretto

Tutti i Candidati debbono appartenere ad un Club del Distretto in stato di "good standing" al momento della presentazione della candidatura.

Il Consiglio Direttivo del Distretto provvede a verificare la legittimità e l'ammissibilità delle candidature.

20 - Selezione

Il Distretto si adopera affinchè siano candidati alle cariche di Officer Distrettuali Soci altamente qualificati  evitando qualsiasi sistema di rotazione delle candidature fra Club, gruppi di Club  o aree geografiche.

21- Vacanza nella carica di Governatore.

Nel caso di vacanza della carica di Governatore del Distretto, la riunione del Consiglio Direttivo di cui all'art. XI, Sezione 1 dello Statuto è convocata e presieduta dall'Immediato Past Governatore.

22 - Past Officer del Distretto

Il Distretto, grazie alle opportunità di esperienze disponibili fra i suoi Past Officer, fa ricorso alla loro competenza ogniqualvolta sia possibile, soprattutto nel rafforzamento dei Club più deboli, nella costituzione di nuovi club, e nell'assistenza alle Conferenze e alle Convention Distrettuali.

FORMAZIONE DELLA LEADERSHIP

23 - Convegno di Formazione del Distretto

Il Governatore Eletto ha la responsabilità di selezionare il gruppo di Trainers e di organizzare il Convegno di Formazione di Distretto per Luogotenenti Governatori Eletti. Se tale Convegno è organizzato durante la Convention del Distretto, il Governatore delega al Governatore Eletto la responsabilità della realizzazione del Convegno stesso e garantisce che vengano predisposti tempi e servizi adeguati.

24 - Formazione degli Officer dei Club

Il Governatore Eletto ha la responsabilità di garantire l'attuazione di tutta la formazione degli Officer dei Club. I relativi convegni saranno tenuti da ciascun Luogotenente Governatore Eletto o Designato, assistito da un Istruttore Certificato dal Kiwanis o, in mancanza, da Past Officers di particolare esperienza e competenza designati del Governatore Eletto.

RESPONSABILITA' DEL GOVERNATORE-ELETTO DEL DISTRETTO

25 - Impegno per l'adempimento dei Compiti relativi alla Carica

Unitamente alla candidatura a Governatore Eletto, i candidati dovranno sottoscrivere un impegno con il Kiwanis International in base al quale, in caso di elezione, si obbligano a compiere i doveri del loro ufficio come stabiliti dal Kiwanis International. Detto impegno si rende necessario affinché il candidato possa servire come Governatore del Distretto ed anche come  Officer del Kiwanis International.

26 - Doveri

Il Governatore Eletto, al fine di prepararsi ad essere un Officer del Kiwanis International, deve:

A.      Adempiere alle responsabilità di Governatore Eletto come specificato nello Statuto e nelle Procedure del Kiwanis International (Bylaws, Policies and Procedures of Kiwanis International) e nello Statuto del Distretto (District Bylaws), e sostenere il Governatore nel suo ruolo di Officer del Kiwanis International.

B.      Partecipare a tutte le riunioni per  Governatori Eletti richieste dal Kiwanis International.

C.      Partecipare alla Convention Internazionale e alla riunione per Governatori Eletti che si tiene in quella Convention.

D.     Organizzare la formazione dei Luogotenenti Governatori e dei Presidenti Eletti e assicurarsi che essi e i Presidenti dei Comitati del Distretto, nel corso dell'anno, adempiano alle loro responsabilità.

E.      Essere responsabile dell'attuazione dei programmi di Formazione degli Officer dei Club.

F.      Essere responsabile dei programmi di formazione e dei forum alla Convention del Distretto.

G.     Redigere un piano per la crescita numerica dei soci, soprattutto nelle specifiche aree oggetto di costituzione di nuovi Club, e sottoporlo per iscritto al Presidente Internationale Designato prima dell'inizio dell'anno amministrativo.

RESPONSABILITA' DEL GOVERNATORE DEL DISTRETTO

27 - Il Governatore, in quanto Officer del Kiwanis International e legale rappresentante del Distretto, deve:

A.   Adempiere alle responsabilità di Governatore come specificato nello Statuto e nelle Procedure.Partecipare pienamente alle attività del Consiglio Internazionale.

C.   Collaborare con  il Kiwanis International nei programmi pilota per i quali il Distretto possa essere selezionato.

D.   Redigere un piano di crescita per il Distretto e supervisionare l'applicazione del piano stesso.

E.   Promuovere attivamente la partecipazione dei Club agli obiettivi e programmi di service, compreso         "Serving the children of the world".

F.   Presentare in tempo utile tutti i rapporti richiesti.

G.   Assistere e partecipare attivamente alla Convention Internazionale.

H.   Promuovere il tempestivo pagamento degli obblighi finanziari del Distretto e dei Club verso il Kiwanis International, nonché degli obblighi verso il Distretto e la Federazione Europea, e sollecitare il pagamento di eventuali arretrati.

I.    Promuovere l'archiviazione completa (100 percento) dei rapporti annuali dei Club.

L.   Promuovere attivamente i programmi sponsorizzati del Kiwanis International, qualora esistenti nel Distretto, e assicurare una accurata supervisione di questi programmi a livello locale, divisionale e distrettuale.

M. Partecipare al convegno regionale per i Governatori di Distretto, ove previsto.

N.   Promuovere la Fondazione del Kiwanis International.

O. Rispondere prontamente alle richieste e alle comunicazioni del Kiwanis International.

P.   Qualora sia previsto, programmare e organizzare la visita ufficiale del Presidente Internazionale al Distretto.

Q. Pianificare e sviluppare il programma per la Convention del Distretto e del Convegno di metà anno, e  delegare al Governatore Eletto la responsabilità dell'attuazione dei programmi di formazione della Leadership e dei forum alla Convention del Distretto, assicurando che siano forniti tempi e strutture adeguati per i suddetti programmi di formazione.

R.   Assicurarsi che il Consigliere del Board Internazionale (the International Board Counselor) possa seguire da vicino le attività e i progressi del Distretto.

S.   Alla Convention del Distretto, assicurarsi che il Consigliere del Board Internazionale (the International Board Counselor) abbia il tempo sufficiente per presentare il messaggio del Kiwanis International, per parlare di qualsiasi problema o questione, nonché di fornire suggerimenti ai Soci partecipanti. Il Consigliere del Board Internazionale (the International Board Counselor) deve ricevere le cortesie adeguate ad un rappresentante del Presidente Internazionale.

T.   Promuovere la partecipazione alla Convention Internazionale.

U.   Assicurarsi che i libri contabili del Distretto siano controllati in conformità con quanto previsto dallo Statuto Standard del Distretto (Standard Form for District Bylaws).

LUOGOTENENTI GOVERNATORI

28 - Responsabilità dei Luogotenenti Governatori

Il Luogotenente Governatore, in quanto Officer del Distretto, deve:

A.   Adempiere alle responsabilità di Luogotenente Governatore come specificato nello Statuto, nelle Procedure (Bylaws, Policies and Procedures) del Kiwanis International e nello Statuto del Distretto.

B.   Partecipare pienamente alle attività del Consiglio Direttivo del Distretto.

C.   Elaborare un piano per la crescita numerica dei soci della Divisione e supervisionare la sua attuazione.

D.   Consultare ed assistere i Club della Divisione per assicurarsi:

1.   del loro buon funzionamento, compresa la conformità agli scopi, obiettivi, linee guida e procedure del Kiwanis International;

2.   della puntuale presentazione di tutti i rapporti richiesti e del pagamento dei loro obblighi finanziari;

3.   della loro partecipazione ai programmi di service del Kiwanis International, compreso il progetto: "Serving the children of the world".

E.   Fare le visite di contatto previste nonché le visite ufficiali alle riunioni dei Club e del loro Direttivo.

F.   Presentare puntualmente tutti i rapporti previsti e rispondere alle comunicazioni.

G.   Programmare e organizzare la visita ufficiale del Governatore alla Divisione.

H.   Partecipare al convegno di formazione per Luogotenenti Governatori, alla Convention e alle Conferenze del Distretto, nonché alla Convention Internazionale.

I.    Organizzare la formazione degli Officer dei Club.

      La formazione per gli Officer dei Club dovrà essere organizzata con l'assistenza di un istruttore certificato alla conduzione del programma di formazione.

L.   Promuovere attivamente i programmi sponsorizzati del Kiwanis International, ove esistenti nel Distretto, e assicurare una adeguata supervisione di quei programmi al livello sia locale che divisionale.

M. Almeno ogni tre mesi, tenere le riunioni del Comitato di Divisione con i Presidenti dei Club, col Luogotenente Governatore Eletto, con i Segretari dei Club, con i Past Luogotenenti Governatori e con i suoi collaboratori.

O. Tenere riunioni periodiche con i Past Luogotenenti Governatori che sono soci di Club della Divisione.

P.   Assistere il Luogotenente Governatore Designato prima della sua assunzione della carica:

1.      Facendolo partecipare alle visite di contatto con i Club.

2.      Fornendo copie di tutti i rapporti in archivio del Distretto o del Kiwanis International.

3.      Fornendo informazioni sui punti di forza e di debolezza dei Club della Divisione.

4.      Effettuare un collegamento continuo, come Luogotenente Governatore, con tutti i nuovi Club che si formano nella Divisione nel corso dell'anno corrente al fine di assicurarne il mantenimento del numero minimo di soci attivi necessari per ottenere la carta costitutiva del Club, e per garantire il continuo adempimento e la conformità con i compiti e le responsabilità di un Club del Kiwanis.

5.      Adoperarsi a che siano proposti alla carica di Luogotenente Governatore Eletto candidati altamente qualificati evitando qualsiasi metodo di stretta rotazione fra i Club della Divisione. 

29- Visite alle Riunioni dei Club

Il Luogotenente Governatore ha il compito di visitare ciascun Club della Divisione almeno due volte: una volta per una visita di contatto come Luogotenente Governatore Designato e, successivamente, nella veste di Luogotenente Governatore, in occasione di una riunione di Club per la visita ufficiale. Durante la visita ufficiale, il Luogotenente Governatore dovrà portare il messaggio del Kiwanis, sottolineare gli scopi, gli obiettivi, i programmi di service, e il progetto: "I Bambini: Priorità numero Uno". Le visite di contatto dovranno essere completate entro il 1° ottobre e le visite ufficiali ai Club entro il 15 Marzo.

30 - Visite alle Riunioni del Consiglio Direttivo dei Club

Il  Luogotenente Governatore dovrà partecipare ad una riunione, regolarmente convocata, del Consiglio Direttivo di ciascun Club della Divisione nel corso dell'anno amministrativo. Le visite ai Consigli Direttivi dovranno essere completate entro la data del 15 Marzo.

31 - Rapporti del Luogotenente Governatore

Il Luogotenente Governatore dovrà preparare e inviare in tempo utile tutti i rapporti richiesti dal Distretto o dal Kiwanis International. Per i Club con un numero di soci attivi inferiore al numero necessario per ricevere la carta costitutiva di nuovo Club, il Luogotenente Governatore dovrà accertarsi dei motivi del basso numero di soci e delle iniziative che il Club compie per ricostituire il numero dei soci previsto. I rapporti del Luogotenente Governatore dovranno comprendere i motivi del numero di soci inadeguato e dovrà  indicare quale assistenza personale è offerta al Club per aiutarlo a risolvere il problema relativo alle iscrizioni di nuovi soci.

32 - Assistenza ai Club Deboli della Divisione

Il Luogotenente Governatore predispone un programma di assistenza ai Club più deboli della Divisione  relativamente alle questioni amministrative, al numero dei soci e all'attuazione del service.

33 - Comitato Consultivo dei Past Luogotenenti Governatori

Sotto la sua presidenza il Luogotenente Governatore riunisce ove necessario un Comitato Consultivo formato dai Past Luogotenenti Governatori, soci di Club della Divisione, per la trattazione di problematiche relative al Kiwanis nonché di tutti gli aspetti gestionali della Divisione.

RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAGLI OFFICER DEL DISTRETTO.

34 - IL Distretto sostiene, anche parzialmente, le spese strettamente necessarie sostenute dagli Officer del Distretto e, ove necessarie, anche quelle, preventivamente autorizzate, dei componenti dei Comitati, per lo svolgimento dei loro compiti, salvo che per il Comitato dei Past Governatori le riunioni obbligatoriamente previste dalle norme del Kiwanis.

Il Consiglio Direttivo del Distretto stabilisce i criteri e l'ammontare di tali rimborsi.

CONVENTION DEL DISTRETTO E CONFERENZE

CONVENTION DEL DISTRETTO

35 - Scopo

La Convention del Distretto è tenuta annualmente ed ha un duplice fine:

-          assicurare l'elezione degli Officer del Distretto per garantire la continuità amministrativa e di servizio;     

-          fornire ai Soci motivazioni, ispirazioni e metodi amministrativi, nonché dare l'opportunità, sia ai Soci che ai Dirigenti dei Club, di acquisire una conoscenza del Kiwanis e dei suoi obiettivi. Particolare attenzione sarà data ai Presidenti Designati e ai Segretari Designati dei Club, allo scopo di offrire loro una migliore preparazione perché possano adempiere ai compiti e alle responsabilità delle cariche che dovranno assumere.

36 - Data

La Convention del Distretto non dovrà essere tenuta nel periodo compreso fra la seconda settimana di Aprile e la seconda settimana di Maggio, in modo che non entri in conflitto con le riunioni del Consiglio Internazionale o del Board Internazionale (International Council o International Board) che si tengono tradizionalmente durante quel periodo, ed evitare, altresì, concomitanze nel programma  del Counselor del Distretto.

La Convention del Distretto non dovrà durare meno di due giorni né più di tre giorni.

Non più tardi del 31 Ottobre di ogni anno, il Segretario del Distretto dovrà informare il Direttore Esecutivo Internazionale della data e del luogo della successiva Convention del Distretto. Entro il 15 Dicembre, dovrà essere fornito al Presidente Internazionale Eletto un sommario relativo ai giorni di svolgimento della Convention.

37 - Luogo

Le Convention del Distretto dovranno essere tenute entro i confini del Distretto stesso, a meno che non sia stata richiesta e ottenuta l'approvazione del Board Internazionale.

38 - Convention congiunte

Salvo previa approvazione da parte del Board Internazionale, il Distretto non può tenere una Convention congiuntamente ad un altro Distretto.

39 - Programma della Convention

Il Governatore ha la responsabilità di pianificare e sviluppare il programma della Convention. Il Governatore Eletto ha la responsabilità di tutta la formazione dei nuovi Officers dei Club e dei Luogotenenti Governatori nonché dei forum e delle sessioni di formazione in tale sede organizzati.

Il programma può includere l'intervento di oratori illustri al fine di incoraggiare la partecipazione di un pubblico aggiuntivo.

E' necessario riservare tempo sufficiente per i forum e per le sessioni di formazione dedicate alle responsabilità quotidiane degli Officers dei Club, della Divisione e del Distretto.

Tempo sufficiente deve inoltre essere riservato per il Counselor del Board Internazionale  affinché possa presentare il messaggio del Kiwanis International nonché discutere dei problemi o degli interessi dei partecipanti.

40 - Rappresentanza dei Club

Il Distretto incoraggia decisamente la rappresentanza di tutti i Club, in particolare dei nuovi Officer dei Club e di tutti i Soci dei nuovi Club. La Convention è tenuta in una città che possa trovare il gradimento dei Soci dei Club. I costi dovranno essere ragionevoli e accessibili ad evitare che i partecipanti siano scoraggiati a intervenire a causa di motivi economici.

41 - Esposizioni

Qualora lo  spazio lo consenta, è bene incoraggiare l'esposizione dei progetti dei Club, particolarmente di quelli di maggior significato che possono essere adottati anche da altri Club.

42 - Presentazione dei programmi.

Prima dell'inizio della votazione che dovrà eleggerli i candidati a Governatore Eletto e a Tesoriere hanno diritto di prendere la parola per dieci minuti per illustrare il significato e le prospettive della loro candidatura.

Negli stessi termini il  Governatore Eletto, unico candidato alla carica di Governatore, espone all'Assemblea le linee programmatiche che intende attuare durante il suo anno di leadership.

Il programma, nel rispetto del principio della continuità dei valori, deve ispirasi alle positive esperienze acquisite dai precedenti Officer e deve contenere valutazioni, riferimenti e attitudini che possano avere valenza pluriennale.

43 - Commissione verifica poteri e Commissione per le votazioni.

La Commissione verifica poteri e la Commissione per le votazioni, nominate ai sensi dell'art.VIII. Sezione 5 dello Statuto sono composte ciascuna da cinque delegati o delegati di diritto e sono presiedute da un Past Governatore  o da un Past Luogotenente Governatore, di nomina del Governatore.

I Presidenti nominano un Vice Presidente scelto tra i componenti della Commissione.

44 - Norme di comportamento.

Gli Officer del Distretto, delle Divisioni, dei Club e i Soci tutti, devono ispirarsi, nei loro comportamenti e nella loro attività, alle finalità istituzionali perseguite dal Kiwanis e all'etica kiwaniana, e tener conto dei livelli di gerarchia esistenti, in linea successiva, tra  Club, Divisioni, Distretto, K.I.E.F. e K.I.

Gli Officer, ciascuno per la propria competenza, hanno il dovere di vigilare sull'osservanza dei suddetti comportamenti.

Ogni candidato a cariche elettive, prima e durante i lavori dell'Assemblea che lo vota, deve improntare i suoi comportamenti alla massima lealtà ed al pieno rispetto dei diritti degli altri candidati astenendosi da atteggiamenti o proposte che comunque possano ledere la dignità altrui.

Ogni comportamento difforme è considerato contrario all'etica kiwaniana ed è sottoposto, sia per gli Officer che per i Soci, al procedimento previsto dall'art. XII dello Statuto. Il Consiglio Direttivo del Distretto adotta i provvedimenti del caso.

CONFERENZA DEL DISTRETTO

45 - Ogni anno dovrà tenersi una Conferenza di Distretto o di area per favorire la diffusione dei programmi del Kiwanis fra i soci, per consolidarne l'ispirazione e per realizzare forum che offrano l'opportunità di dibattito fra i Soci dei Club e gli Officer in relazione ai service e ai problemi di amministrazione degli stessi Club.

FINANZA

46 - Controlli interni.

Fermo restando quanto previsto dall'art XV dello Statuto del Distretto e indipendentemente dagli interventi dei Revisori Contabili, il Governatore o Consiglio Direttivo del Distretto istituisce appropriati e frequenti controlli interni sulla gestione dei fondi dei bilanci sia per quanto riguarda le entrate sia per le uscite. In particolare tutti i pagamenti sono eseguiti con assegno bancario o con bonifico a firma congiunta del Governatore e del Tesoriere. Il Governatore è responsabile dell'effettuazione dei controlli, ne esamina e valuta i risultati  e riferisce al Consiglio Direttivo.

47 - Adempimenti del Tesoriere.

 Il Tesoriere redige i bilanci preventivi e consuntivi e li presenta per l'approvazione al Consiglio Direttivo del Distretto e all'Assemblea Generale dei Delegati. Tali bilanci saranno inviati ai Presidenti dei Club almeno quindici giorni prima della data dell'Assemblea. Rende prontamente attuabili i controlli interni sulla gestione dei fondi. Controlla i versamenti delle quote internazionali dovute dai Club fornendo loro le necessarie direttive.

48 - Regolamento di Tesoreria.

Il Distretto può adottare un autonomo regolamento di tesoreria.

COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE.

49 - Rivista.

 Al fine di promuovere i fini e gli obiettivi del Kiwanis, il Distretto cura la pubblicazione di una rivista periodica, Organo Ufficiale del Distretto Italia - San Marino, denominata "Kiwanis Magazine".

Essa riporta le attività più significative del Distretto, delle Divisioni e dei Club come espressione di cultura e vita kiwaniane.

Soddisfa, inoltre, alle esigenze di cultura generale in relazione alle più attuali problematiche di servizio in genere, e kiwaniane in particolare, sia in Italia che nel mondo. Costituisce anche un efficace strumento di comunicazione.

50 - La rivista è diretta da un Direttore Responsabile, iscritto nell'apposito albo, che, con autonomia tecnico-professionale, attua le direttive ricevute dal Consiglio Direttivo del Distretto, anche in ordine alla periodicità, sulla cui osservanza vigila il Governatore.

Il Direttore responsabile è nominato dal Consiglio Direttivo su proposta del Governatore

Il Direttore Responsabile comunica al Governatore, almeno quindici giorni prima della sua pubblicazione, la chiusura del numero della rivista.

51 - Il Direttore della Rivista , d'intesa con il Governatore, istituisce un Comitato di Redazione.

La collaborazione alla rivista è aperta a tutti i Kiwaniani ed è improntata alla massima obiettività e trasparenza dell'informazione. E' inviata a tutti i Soci dei Club del Distretto e alle Autorità Kiwaniane internazionali.

52 - Il Bollettino.

Il Distretto può pubblicare altresì un Bollettino mensile d'Informazioni che costituisca un notiziario sui più significativi avvenimenti del Kiwanis in campo nazionale e internazionale, dei Club e delle Divisioni.

Si applicano le stesse norme che regolano la rivista.

53 - L'Annuario (Directory).

Il Distretto pubblica, entro il 31 ottobre di ogni anno, l'annuario contenente notizie sugli Officer Internazionali e sul Distretto, gli elenchi degli Officer distrettuali, dei Club e dei Soci con relativi riferimenti, dati e informazioni.

Una copia dell'annuario deve essere inviata ad ogni Socio e non può essere ceduta o trasmessa a terzi se non nell'ambito dell'attività di servizio e delle relazioni sociali.

E' vietato, in ogni caso, l'uso a fini commerciali o pubblicitari.

Il Governatore può nominare un Chairman per l'annuario.

54 - I Club hanno l'obbligo di far pervenire alla Segreteria del Distretto, entro il 30 giugno di ogni anno, l'elenco aggiornato dei Soci, degli Officer Eletti o Designati per l'anno successivo e ogni altra variazione che interessi l'annuario.

Le notizie pervenute oltre il termine previsto non saranno pubblicate.

Il Distretto pubblica, o separatamente o in seno all'annuario, il testo aggiornato dello Statuto del Distretto e delle relative Procedure attuative.

55 - Il Distretto gestisce un Sito Web denominato "www.Kiwanis.it" intestato al Governatore, quale rappresentante legale, al fine di attuare una comunicazione in tempo reale sugli avvenimenti del Distretto e sulle più importanti notizie in campo internazionale.

56 -   Il Consiglio Direttivo, su proposta del Governatore, nomina un Web Master responsabile scelto tra i Soci più  qualificati nel campo dell'informatica. Questi attua le direttive del Governatore in merito alla struttura e ai contenuti nel rispetto della normativa tecnica e delle disposizioni di legge circa la tutela della riservatezza nel trattamento dei dati personali.

Il Governatore esercita una costante vigilanza sulla corretta gestione del Sito.

LE DIVISIONI

Ambiti territoriali

57 - Il territorio del Distretto è ripartito in Divisioni che non costituiscono organizzazioni autonome, ma hanno lo scopo di aggregare gruppi di Club per un loro migliore coordinamento e una più efficace funzionalità nel perseguire gli obiettivi e le finalità del Distretto.

La Divisione è composta di almeno cinque Club.

58 - Al fine di favorire armonici scambi culturali e di servizio tra i Club il Consiglio Direttivo del Distretto delimita gli ambiti territoriali delle Divisioni, tenendo conto delle affinità geografiche e ambientali, delle distanze e delle esigenze di sviluppo. I Club di nuova costituzione fanno parte della Divisione nel cui ambito territoriale insistono

Nei casi incerti o qualora non esista una Divisione di riferimento il Governatore assegna temporaneamente il nuovo Club ad una Divisione viciniore o compatibile.

59 - Le modifiche e il riassetto degli ambiti territoriali delle Divisioni sono deliberati dal Consiglio Direttivo del Distretto, d'iniziativa o su motivata proposta di uno o più Club, nel rispetto dei principi di cui ai precedenti numeri 57 e 58, tenendo conto dei pareri, non vincolanti, preventivamente richiesti ai Club interessati.

Artt. 60 e 61 abrogati dal C.d.A. nella riunione di San Marino.

62 - Almeno trenta giorni prima della convocazione della riunione del Comitato di Divisione che deve eleggere gli Officer della Divisione stessa, il Luogotenente Governatore informa i Club che possono essere presentate le relative candidature.

Il Segretario della Divisone invia ai Club copia delle candidature, con allegato il curriculum vitae, pervenute fino a dieci giorni prima della riunione

Organizzazione

63 - Il Luogotenente Governatore Eletto e l'Immediato Luogotenente Governatore collaborano  ed assistono il Luogotenente Governatore nell'esercizio delle sue funzioni nel rispetto del principio della continuità dei valori.

Su proposta del Luogotenente Governatore il Comitato di Divisione nomina un Segretario che assiste il Luogotenente Governatore nelle attività amministrative e organizzative.

Il Luogotenente Governatore può operare con la collaborazione di altri Soci per specifiche finalità nell'ambito della Divisione.

64 - Per qualsiasi riunione del Comitato di Divisione la composizione è quella prevista dall'art. X, Sez. 3, lett. b) dello Statuto. Tuttavia il Luogotenente Governatore può disporre la convocazione anche dei Soci dei Club come uditori.

65 - La Divisione può deliberare l'adozione di programmi, iniziative e progetti anche sostenuti dai contributi dei Club. Tuttavia le delibere non sono vincolanti per i Club che non sono ad esse favorevoli.

66 - Nel caso di vacanza della carica di Luogotenente Governatore la riunione del Comitato di Divisione che provvederà alla  sostituzione, di cui all'art. XI, Sez. 4 dello Statuto del Distretto, è convocata dal Governatore ed è presieduta dall'Immediato Past Luogotenente Governatore o, in mancanza, dal  più recente Past Luogotenente Governatore.

I CLUB

Il ruolo

67 - Il Club è l'unità funzionale di base nella struttura del Distretto.

Il Club, nell'autonoma adozione del proprio programma sociale, realizza le finalità del Kiwanis quali risultano dagli statuti e dalle procedure attuative del Distretto, della Federazione Europea e del Kiwanis International.

Il Club adotta lo statuto tipo approvato dal Kiwanis International dandone comunicazione al Distretto ed attua le direttive del Consiglio Direttivo del Distretto, del Governatore e del Luogotenente Governatore.

Nuovi Club

68 - Un nuovo Club può essere costituito nelle comunità che offrono una varietà di professioni, una realtà economica e una vocazione sociale che assicuri alti standard di soci e che abbia potenzialità di risorse per acquisire ulteriori soci al fine di assicurare nel futuro la stabilità del Club.

Se il nuovo Club è costituito in un'area dove già esistono uno o più Club, tali Club saranno informati dell'iniziativa e sarà richiesta la loro collaborazione.

69 - La costituzione di nuovi Club deve avvenire, a pena dei nullità dei relativi atti, con la seguente procedura:

a)      Il Socio che sia interessato alla costituzione di un nuovo Kiwanis Club informa preventivamente il Luogotenente Governatore della Divisione di competenza del luogo dove dovrà essere costituito il nuovo Club e della persona che può essere incaricata della sua formazione.

b)      Il Luogotenente Governatore, con la collaborazione del KIAR divisionale, ove già nominato, e d'intesa con il Governatore, accerta le reali possibilità della stabile costituzione del Club nella comunità prevista, assume notizie sulle persone proposte a farne parte e richiede informazioni direttamente ai Club che fanno parte della Divisione. Qualora sussistono incompatibilità o condizioni ostative, il Luogotenente Governatore provvede alla loro rimozione e, in caso negativo, riferisce senza indugio al Governatore che può adottare le iniziative del caso.

c)       Accertata la presenza delle condizioni richieste, il Luogotenente Governatore designa uno o due Club sponsor ed informa il Segretario del Distretto il quale invia alla persona interessata il materiale illustrativo delle finalità del Kiwanis, copia dell'annuario e lo stampato della domanda ufficiale di costituzione del Club.

d)      La domanda di costituzione, debitamente sottoscritta dalle persone ivi previste, dal Luogotenente Governatore, e dal Segretario del Distretto, viene trasmessa al Governatore il quale, previo ulteriore accertamento di tutte le condizioni richieste, la sottoscrive per approvazione.

Il Governatore, con motivazione scritta trasmessa al Luogotenente Governatore e al Presidente del Club o dei Club sponsor, può non approvare la domanda di costituzione del nuovo Club ma la domanda stessa va ugualmente trasmessa ai competenti uffici del Kiwanis International.

70 - Per le aree non facenti parte di alcuna Divisione, quando non è possibile interessare un Club sponsor o un Luogotenente Governatore, il Governatore può incaricare un Officer del Distretto o un Past Governatore che provvede ad attivare la procedura di formazione del nuovo Club dando le opportune direttive.

I Soci

71 - Un Socio può far parte di più Club purchè sussistano le condizioni per la iscrizione e la piena possibilità di adempiere, in ciascuno dei Club, a tutti i suoi doveri secondo quanto previsto dallo statuto dei Club. I Club interessati favoriscono l'assolvimento degli obblighi e l'esercizio dei diritti da parte del Socio.

Venendo a mancare i suddetti presupposti, il Luogotenente Governatore, se i Club interessati fanno parte della stessa Divisione, o il Governatore in caso contrario, invitano il Socio a mantenere l'iscrizione nel Club ove esistono le condizione per una regolare frequenza. In mancanza, trascorsi trenta giorni dall'invito, il Socio si considera dimissionario dal Club per il quale si è verificata l'inadempienza.

72 - Il Socio che si sia dimesso da un Club Kiwanis può essere riammesso con la procedura prevista per i  nuovi Soci e non può essere ammesso in nessun altro Club senza che questo abbia preventivamente sentito il Comitato di Direzione del Club originario

73 - Il Socio che sia stato espulso da un Club Kiwanis non può essere riammesso né essere ammesso a Socio di nessun altro Club se permangono i motivi che hanno dato luogo all'espulsione e se non sia intervenuta apposita motivata delibera di riabilitazione adottata dal Comitato di Direzione del Club originario, su richiesta dell'interessato.

La delibera di riabilitazione è sottoposta a ratifica da parte del Consiglio Direttivo del Distretto.

Va sempre rispettata la procedura di ammissione di nuovo socio.

74 - Se l'espulsione riguarda un Past Officer del Distretto il  Governatore può, con motivata comunicazione, invitare il Club a rivedere la relativa delibera. In caso di ulteriore conferma dell'espulsione il Governatore può autorizzare l'iscrizione in un altro Club. 

ENTRATA IN VIGORE

75 - Le presenti Procedure Applicative entreranno in vigore il 1° ottobre successivo alla loro approvazione

Approvato dal Consiglio Direttivo

del Distretto.

Arona 15 settembre 2006.

                                                                                              

              IL GOVERNATORE                            IL PRESIDENTE DEL COMITATO

             Benito Verrina                                  STATUTO E REGOLAMENTI

                                                                             Nicolò Russo

 

 

Così come adottato dal Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International

 il 1 ° maggio 1996 ed emendato il 26 giugno 2000

obbligatorio per tutti i Club del Distretto

in base alla disposizione di cui al "Club Status"

STATUTO DEL KIWANIS CLUB DI .............................. N° K

Articolo I - Nome

Sezione 1 Questa organizzazione sarà conosciuta come Kiwanis Club di …… Questo nome non potrà essere cambiato senza aver ottenuto prima il permesso del Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International.

Articolo II - Scopi

Sezione 1 ‑ Gli scopi di questo Club sono gli scopi del Kiwanis International e cioè:

·         Affermare la supremazia dei valori umani e spirituali su quelli materiali.

·         Incoraggiare l’uso quotidiano della Regola d’Oro * in tutte le relazioni umane.

·         Promuovere la ricerca ed il raggiungimento dei più alti livelli sociali, lavorativi e  professionali.

·         Sviluppare, attraverso il precetto e l’esempio, un più intelligente, efficace e durevole senso civico.

·         Offrire, attraverso i Club Kiwanis, un pratico mezzo per formare amicizie stabili, per rendere un servizio altruistico e per costruire una comunità migliore.

·         Collaborare nel creare e mantenere quel sano concetto civile ed alto ideale che rendono possibile incrementare i principi di  rettitudine, di giustizia, di patriottismo e di buona volontà.

* 1 Vangeli: Matteo 7.12 "Fai agli altri ciò che vorresti che gli altri facessero a te” .

 

Articolo III - Soci e loro qualifiche

Sezione 1 - I Soci di questo Club saranno principalmente Soci Attivi come seguito definito. Vi possono essere soltanto altre tre categorie di Soci: Senior, Privilegiati ed Onorari.

 

Sezione 2 - Un Socio può essere  membro in più di un Club Kiwanis. (6/00)

 

Sezione 3 - I Soci Attivi debbono rappresentare le più distinte categorie sociali nella comunità nella quale il Club è ubicato.

 

Sezione 4 - I Soci (eccetto gli Onorari) hanno il dovere di partecipare alle riunio­ni, ai progetti di service e ad altre attività, pagare gli oneri finanziari verso il Club, indossare gli emblemi Kiwanis, essere nominati nei Comitati, essere eletti come Officer o Consiglieri e partecipare alle riunioni ed alle assemblee del Kiwanis.

 

Sezione 5 - L'appartenenza è riservata alle persone superiori ai 18 anni di età e devono essere Soci Attivi, Senior, Privilegiati od Onorari.

 

Sezione 6 - Tutti i Soci di questo Club devono credere e sottoscrivere le finalità del Kiwanis International, devono avere elevate doti morali e essere rappresen­tativi delle più distinte categorie sociali.

 

Sezione 7 - Qualifica di Socio Attivo.

a)      Un Socio Attivo deve credere e sottoscrivere le finalità del Kiwanis International.

b)      Un Socio Attivo deve essere di elevate doti morali e rappresentativo delle più distinte categorie sociali, residente o avente rilevanti interessi nei limiti territo­riali del Club.

c)       Un Socio Attivo deve essere una persona che svolga un determinato tipo di attività o vocazione (o essere pensionato).

d)      Un Socio Attivo deve pagare una tassa di ingresso ed una quota annuale cose che gli consentiranno di godere di tutti i privilegi di Socio del Club.

 

Sezione 8 - Qualifica di Socio Senior.

a)      Un Socio Attivo che sia stato Socio Attivo in "good standing" di uno o più Club Kiwanis per non meno di 10 anni, che non sia in condizione di frequentare per motivi di salute, di lavoro o per altre circostanze, o che si troverà in una delle condizioni previste da questo Statuto, può essere eletto dal Comitato Direttivo quale Socio Senior su richiesta scritta del medesimo.

b)      Il Comitato Direttivo deve rivedere la lista dei Soci Senior almeno una volta all'anno ed ha l'autorità, per le ragioni che riterrà adeguate, di porre fine alla condizione di Socio Senior o riportare qualsiasi Socio alla condizione di Socio Attivo.

c)       Un Socio Senior è tenuto al pagamento della quota annuale per avere titolo a godere di tutti i privilegi di Socio del Club.

d)      Un Socio Senior deve osservare gli standard di frequenza e partecipazione come stabilito dal Consiglio Direttivo.

 

Sezione 9 - Qualifica di Socio Privilegiato.

a)      Un Socio Attivo di un Club con Charter che, alla data del 31 luglio 1963 o prima sia stato eletto Socio Privilegiato, può continuare ad essere Socio Privilegiato.

b)      Il Comitato Direttivo deve rivedere la lista dei Soci Privilegiati almeno una volta all'anno ed ha l'autorità, per le ragioni che riterrà adeguate, porre fine alla condizione di Socio Privilegiato o ristabilire qualsiasi Socio come Socio Attivo.

c)       nessun Socio Privilegiato deve pagare la quota annuale per avere titolo a godere di tutti i privilegi di Socio del Club. Un Socio Privilegiato è giustificato nel non rispettare le regole previste per i Soci Attivi e Senior.

d)      nessun Socio potrà essere eletto Socio Privilegiato dopo il 31 luglio 1963.

 

Sezione 10 - Qualifica di Socio Onorario.

a)      Qualsiasi persona che si sia distinto per particolari servizi pubblici resi può essere eletto dal Comitato Direttivo Socio Onorario (che non sia Socio Attivo,Senior o Privilegiato) per un periodo di un anno e può essere rieletto annual­mente.

b)      Un Socio Onorario è esentato dal pagamento sia della tassa di ingresso che di quella annuale, gode di tutti i diritti dei Soci Attivi, eccetto il diritto al voto e la eleggibilità a cariche sociali.

c)       Un Socio Onorario non ha l'obbligo della frequenza alle riunioni.

 

Articolo IV - Ammissioni e Dimissioni

Sezione 1 - Si diventa Soci Attivi di un Club o a seguito di elezione o a seguito di trasferimento da un Club Kiwanis attivo, secondo le seguenti procedure:

a)      Ogni proposta deve essere presentata da un Socio del Club al Segretario o al Comitato per lo Sviluppo e la Formazione dei Soci, recante la firma del propo­nente controfirmata da almeno un altro Socio del Club, entrambi in "good stan­ding".

b)      Tutte le proposte devono essere sottoposte al Comitato Direttivo per la presa in considerazione.

In alternativa: da osservare se contemplato.

Tutte le proposte sono riferite al Comitato Direttivo, che comunica ai Soci del Club i nomi di coloro che sono stati proposti e che saranno discussi dal Comitato Direttivo dopo due settimane.

 

c)       Ogni proposta di trasferimento ad un altro Club può essere sottoposta da un Socio di un Club direttamente al Comitato Direttivo. La richiesta deve essere inoltrata entro sei mesi di frequenza discontinua nel Club di origine.

d)      Ad una riunione del Comitato Direttivo con il quorum presente, vengono eletti i Soci e accettati i trasferimenti con i due terzi (2/3) dei voti dei presenti.

e)      Su voto favorevole del Comitato Direttivo verrà notîficata personalmente ai Soci nuovi ed aì trasferiti la decisione presa nei loro confronti e viene subito riscossa la tassa di ingresso. L'ammissione ufficiale nel Club avverrà quando tute le formalità saranno completate, e la data di ingresso verrà comunicata al Kiwanis International.

 

Sezione 2 - I Soci Senior e gli Onorari vengono eletti a maggioranza dall'intero Comitato Direttivo.

 

Sezione 3 - Un Socio può dimettersi dal Club purché non abbia pendenze economiche nei confronti del Club. Le dimissioni devono essere sottoposte per iscritto al Comitato Direttivo e diventeranno effettive una volta accettate dal Comitato. Tale Socio dimissionario non avrà più titolo a qualsiasi proprietà appartenente al Club e perderà il diritto ad usare il nome Kiwanis, l'emblema le insegne o altri marchi Kiwanis.

 

Articolo V - Disciplina

Sezione 1 - Ogni Socio Attivo, Senior o Privilegiato in ritardo di due mesi con il pagamento delle quote o altri obblighi finanziari, viene sospeso da Socio con la maggioranza dei voti del Comitato Direttivo e tale decisione gli verrà comunicata per iscritto dal Segretario. Dietro pagamento degli arretrati e su domanda di riottenere l'appartenenza il Socio può essere reintegrato nel Club con la maggioranza dei voti del Comitato entro 30 giorni dalla data della suddetta notifica. Se il Socio non è reintegrato entro 30 giorni la sua appartenenza è da ritenersi decaduta.

 

Sezione 2 ‑ Il Socio Attivo è tenuto a frequentare regolarmente le riunioni e partecipare alle attività del Club; il Comitato Direttivo deve verificare semestralmente la frequenza e la partecipazione alle attività da parte di ogni Socio. Il Comitato Direttivo valuta il coinvolgimento e la frequenza alle riunioni del Club di ogni Socio Attivo. A discrezione del Comitato ogni Socio Attivo che, senza giustificazione non frequenta le riunioni del Club e non partecipa attivamente alle sue iniziative, con il voto di maggioranza del Comitato Direttivo viene sospeso e tale decisione gli verrà notificata dal Segretario per iscritto.

 

Sezione 3 ‑ Ogni Socio Senior che senza giustificazione non frequenta le riunioni ordinarie e non partecipa alle attività del Club stabilite dal Comitato Direttivo, con voto a maggioranza del Comitato viene sospeso e di ciò verrà informato per iscritto dal Segretario.

 

Sezione 4 ‑ Ogni Socio Attivo o Senior sospeso, a seguito di richiesta al Comitato Direttivo di essere reintegrato stante l'espressa volontà di aderire agli standard di frequenza e partecipazione, può essere reintegrato con voto a maggioranza dei Comitato Direttivo entro 30 giorni dalla data della notifica scritta di sospensione inviatagli dal Segretario. Se il Socio non è reintegrato entro 30 giorni egli decade dalla qualità di Socio.

 

Sezione 5 ‑ Un esposto contro un Socio accusato di condotta sconveniente per un membro della famiglia Kiwanis deve essere fatto ad un comitato speciale nominato dal Comitato Direttivo allo scopo di indagare, fare un rapporto e una raccomandazione prima che venga presa dal Comitato Direttivo una decisione qualsiasi su tale esposto. Notizia dell'accusa, dell'indagine e della udienza sarà data al Socio in questione. Un Socio contro il quale tali accuse sono sostenute, dopo essere stato ascoltato dal Comitato Direttivo, può essere sottoposto a sanzione disciplinare o rimosso dalla carica o dall'appartenenza al Club con il voto dei due terzi (2/3) dell'intero Comitato Direttivo. (1/00).  "La condotta sconveniente per un membro della famiglia Kiwanis" (Kiwanis,  Kiwanis Junior, Circle K, Key Club, Builders Club, K‑Kids and Aktion Club) è  definita come quella condotta che:

a.      è incompatibile con i migliori interessi pubblici o di membri della famiglia Kiwanis;

b.      tende a danneggiare la stabilità o la reputazione della famiglia Kiwanis nella comunità locale o globale. (6/00)

La violazione della politica definita "condotta sconveniente per un membro della famiglia Kiwanis" può portare ad un'azione disciplinare contro il Socio offensore. L'azione disciplinare può essere una reprimenda privata, una reprimenda pubblica o dimissione dall'organizzazione. Una reprimenda privata è comunicata alla persona che ha violato la "norma di condotta" sotto forma di avvertimento. Una reprimenda pubblica richiede la notifica da parte del Consiglio Direttivo del   Distretto o del Governatore del Distretto all'individuo che ha violato la "norma  di condotta". Dimissione vuol dire rimozione dalla qualità di Officer o membro  del Club. (6/00).  Chiunque riceva una notizia scritta come stabilito in applicazione dello Statuto potrà essere ascoltato circa tutte le imputazioni mosse contro di lui o di lei e viene  data l'opportunità di fornire tutte le prove a propria difesa. Il corpo giudicante  ascolterà le risultanze e determinerà quale sanzione, se prevista, dovrà essere imposta e tale decisione sarà definitiva (6/00).

Sezione 6 ‑ Ogni persona la cui appartenenza è comunque decaduta perderà tutti  gli interessi nei fondi del Club o nelle altre proprietà e tutti i diritti all'uso del  nome Kiwanis, dell'emblema, delle insegne o altri marchi Kiwanis.

 

Articolo VI - Officers

 

Sezione 1 ‑ Gli Officers sono il Presidente, il Presidente Eletto, l'Immediato Past Presidente, il Vice Presidente (i) (indicare il numero), il Tesoriere e il Segretario.** Se, in un anno l'Immediato Past Presidente cessa di essere Socio Attivo, Senior o Privilegiato di questo Club, il Socio Attivo, Senior o Privilegiato che è stato Presidente immediatamente prima dell'Immediato Past Presidente automaticamente diventa Immediato Past Presidente.

 

* Nota ‑ Se desiderato possono esservi uffici di Assistente Segretario, Assistente Tesoriere, ed altri a seconda che il Club possa richiederli. Elencare tali cariche se vi sono 

** Dopo la loro elezione e prima che assumano la carica tutti gli Officers sono riconosciuti e designati dai titolo dell'incarico al quale essi sono stati rispettivamente eletti seguiti dal termine "Designato".

 

Sezione 2 ‑ Ciascun Officer deve essere un Socio Attivo, Senior o Privilegiato in "good standing". Nessun incarico può essere ricoperto da una stessa persona tranne quelli di:

 a. Presidente Eletto e Vice Presidente b. Segretario e Tesoriere.

Nessuno può contemporaneamente ricoprire la carica di Consigliere e una carica di Officer.

 

Sezione 3 ‑ Tutti gli Officer assumono la loro carica il primo ottobre di ogni anno e per un (1) solo anno o fino a quando i loro successori saranno regolarmente eletti e qualificati.

 

Sezione 4 ‑ Il Presidente ha i seguenti compiti e responsabilità:

a.      E' 1'Officer Esecutivo di questo Club.

b.      Presiede tutte le riunioni del Club e del Comitato Direttivo.

c.       Promuove gli Obiettivi del Kiwanis International e la positiva immagine del Kiwanis nella comunità.

d.      E' un componente di diritto di tutti i Comitati permanenti e speciali.

e.      Presenta gli scopi del Club al Distretto e gli scopi del Distretto al Club.

f.        Promuove l'incremento dei Soci e la formazione di nuovi Club Kiwanis.

g.      E' uno dei Delegati del Club alle Convention Internazionale e del Distretto.

h.      Partecipa alle riunioni di Distretto e alle riunioni di Divisione.

i.         Adempie agli altri doveri e responsabilità pertinenti la sua carica.

 

Sezione 5 ‑ In assenza del Presidente (scegliere uno dei seguenti) il Presidente Eletto o il Vice Presidente presiede tutte le riunioni del Club e del Comitato Direttivo.

 

Sezione 6 ‑ Il Presidente Eletto ha i seguenti doveri e responsabilità:

a.      E' il solo candidato per la carica di Presidente.

b.      Pianifica i services come Presidente dell'anno successivo.

c.       Durante il periodo in cui è Presidente Designato partecipa alle Convention del Distretto e Internazionale, alle conferenze del Distretto, ai training per Presidenti Designati di Club.

d.      Adempie agli altri doveri e responsabilità pertinenti la sua carica o che possono essergli assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo.

 

Sezione 7 ‑ L'Immediato Past Presidente svolge compiti e responsabilità pertinenti la sua carica o che possono essergli assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo, compresa la partecipazione alle riunioni di Divisione per la selezione del Luogotenente Governatore e del Luogotenente Governatore Eletto.

 

Sezione 8 ‑ Il Vice Presidente (i) ha quei doveri e responsabilità pertinenti il suo incarico o che possono essergli assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo.

 

Sezione 9 ‑ Il Tesoriere ha i seguenti compiti e responsabilità:

a.      Riceve tutti i denari pagati al Club e li deposita immediatamente 

b.      Effettua i pagamenti su ordine del Comitato Direttivo.

c.       Tiene la contabilità del Club sugli appositi registri contabili.

d.      In qualunque momento mette a disposizione il bilancio ed i libri contabili del Club per una ispezione da parte del Presidente, del Comitato Direttivo o di qualsiasi altro Revisore autorizzato.

e.      Fa un rendiconto mensile per il Comitato Direttivo, per la riunione annuale del Club e ogni qualvolta il Presidente o il Comitato Direttivo possano richiederlo.

f.        Svolge tutti gli altri doveri e responsabilità pertinenti il suo ufficio o che possano essergli assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo.

Facoltativo: da osservare se contemplato. Il seguente provvedimento può essere aggiunto:

g.      Dare garanzie nella forma e nell'ammontare che possono essere richiesti dal Comitato Direttivo.

 

Sezione 10 ‑ II Segretario ha i seguenti doveri e responsabilità:

a.      Quando è Segretario‑Designato partecipa ai training per Segretari‑Designati di Club.

b.      Tiene i registri e i libri dei verbali del Club compreso quello dei Soci e delle presenze.

c.        In ogni momento mette a disposizione per l'ispezione del Presidente e del Comitato Direttivo o dei Revisori autorizzati i registri e i libri dei verbali del Club.

d.      Redige i verbali delle riunioni del Club, del Comitato Direttivo e dei Comitati.

e.      Presenta tutte le fatture al Comitato Direttivo per l'approvazione.

f.        Sottopone agli Officer preposti, ai Comitati o ai Soci tutte le comunicazioni ricevute dal Kiwanis International o dal Distretto.

g.      Risponde prontamente alla corrispondenza e sottopone tutti i rapporti ufficiali richiesti dal Kiwanis lnternational o dal Distretto.

h.      Sottopone i rapporti al Club tutte le volte che il Presidente o il Comitato Direttivo lo richiedano.

i.         Adempie a tutti gli altri doveri e responsabilità pertinenti il suo ufficio o che gli possano essere assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo.

Facoltativo: da osservare se contemplato. Il seguente provvedimento può essere aggiunto:

j.        Dare garanzie nella fòrma e nell'ammontare che possono essere richiesti dal Comitato Direttivo.

 

Sezione 11 ‑ Altri Officer (se vi sono) adempiono ai doveri pertinenti il proprio ufficio o che possano essere loro assegnati dal Presidente o dal Comitato Direttivo.

 

Articolo VII - Il Comitato Direttivo

Sezione 1 ‑ Il Comitato Direttivo è composto dagli Officer e da . . . . . . * (indicare il numero) Consiglieri eletti.

 * Nota: Il regolamento del Kiwanis International richiede non meno di cinque (5) Consiglieri eletti.

 

Sezione 2 ‑ Ogni Consigliere deve essere un Socio Attivo, Senior o Privilegiato in "good standing". 

 

Sezione 3 ‑ I Consiglieri assumono la loro carica ufficiale il 1° giorno di ottobre di ogni anno e restano in carica per due (2) anni o fino a che i loro successori saranno regolarmente eletti e qualificati. Per assicurare continuità al Comitato Direttivo, i Consiglieri possono rimanere in carica uno e due anni in occasione della prima elezione.

Alternativa n.1: da osservare se contemplato. 

 

Sezione 3 ‑1 Consiglieri assumeranno la loro carica ufficiale il I ° giorno di ottobre di ogni anno e rimarranno in carica per un (1) anno o fino a quando i loro successori saranno regolarmente eletti e qualificati.

Alternativa n.2: da osservare se contemplato.

 

Sezione 3 ‑ I Consiglieri assumeranno la loro carica ufficiale il I ° giorno di ottobre di ogni anno e rimarranno in carica per tre (3) anni o fino a quando i loro successori saranno regolarmente eletti e qualificati. Per assicurare continuità al Comitato Direttivo i Consiglieri possono rimanere in carica uno‑due e tre anni in occasione della  prima elezione.

 

Sezione 4 ‑ Il Comitato Direttivo determina le politiche e le attività del Club, elegge e disciplina i Soci, approva il budget, approva le fatture, si consiglia con i Comitati ed ha la direzione generale del Club.

 

Sezione 5 ‑ Il Comitato Direttivo si riunisce regolarmente almeno una volta al mese e ha riunioni addizionali su convocazione del Presidente o della maggioranza del Comitato Direttivo. A discrezione del Comitato Direttivo i Presidenti dei Comitati si riuniscono in sessione congiunta con il Comitato Direttivo.

 

Sezione 6 ‑ La maggioranza del Comitato Direttivo costituisce il quorum per la trattazione di tutte le questioni, eccetto i casi in cui il presente Statuto preveda il voto più ampio dell'intero del Comitato Direttivo.

 

Articolo VIII - Progetti permanenti o a lungo termine 

Sezione 1 ‑ Un Club può adottare o respingere un progetto che può durare più di un (1) anno con l'approvazione di due terzi (2/3) dei Soci Attivi, Privilegiati e Senior presenti ad una riunione regolare purché venga data notizia scritta ai Soci della proposta da adottare o da respingere almeno due (2) settimane prima della riunione. Un terzo (1/3) dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati costituisce il quorum. Non sono previsti i voti per delega o per conto degli assenti.

 

Articolo IX - Revisione delle decisioni del Comitato Direttivo 

Sezione 1 ‑ Ogni qualvolta viene presentata una richiesta firmata dalla maggioranza dei Soci del Club per cui una decisione del Comitato Direttivo debba essere riconsiderata dai Soci del Club, il Segretario del Club almeno quattordici (14) giorni prima darà notizia a tutti i Soci che è convocata una riunione speciale per rivedere le decisioni del Comitato Direttivo del Club. Tale riunione deve aver luogo entro trenta (30) giorni dalla data della richiesta. La notifica avrà effetto cinque (5) giorni dopo la sua spedizione. A tale riunione la decisione del Comitato Direttivo del Club può essere rovesciata dai due terzi (2/3) dei Soci presenti.

 

Articolo X - Comitati

Sezione 1 ‑ La struttura di base dei Comitati permanenti dei Club è stabilita dal Consiglio di Amministrazione Internazionale. La struttura di base include Comitati separati che si occupino di servizi per la comunità, sponsorizzazioni per i giovani, "Young Children: Priority One", valori umani e spirituali, amministrazione del Club, formazione e sviluppo Soci, relazioni pubbliche, finanza e raccolta fondi. Tale struttura, insieme ai doveri e responsabilità dei Comitati permanenti, è inclusa nell'Annuario e/o nel Manuale annuale dei Club e degli Officer di Distretto.

 

Sezione 2 ‑ Dove e quando esista l'opportunità di ingrandire il Kiwanis attraverso la sponsorizzazione di un nuovo Club Kiwanis, il Presidente nomina un Comitato per la Formazione di un Nuovo Club. Questo Comitato ne ha la responsabilità, come precisato nelle Procedure per la formazione di nuovi Club stabilite dal Kiwanis International.

 

Sezione 3 ‑ Qualora desiderato vi è la possibilità di allargare la struttura del Comitato creando altri Comitati permanenti che permetterebbero al Club di funzionare più efficacemente secondo i suoi bisogni ed interessi. I compiti di tali Comitati sono determinati al momento della loro creazione.

 

Sezione 4 ‑ Ogni Comitato permanente è composto di tre (3) o più Soci e rimane in carica per un (1) anno a cominciare dal 1° di ottobre. Tutti i Soci di un Comitato sono di nomina e sono soggetti a rimozione da parte del Presidente. Ogni Comitato è responsabile verso il Presidente e dovrà fare delle relazioni secondo la direzione del Presidente o del Comitato Direttivo.

 

Sezione 5 Il Presidente può nominare dei Comitati speciali che devono svolgere dei compiti che saranno definiti alla loro creazione. Tale Comitati sono soggetti all'approvazione del Comitato Direttivo.

 

Sezione 6 Ogni Comitato collabora con il corrispondente Comitato (i) del Kiwanis Intemational o del Distretto per promuovere, quando realizzabile, programmi suggeriti da tale Comitato (i).

 

 

Articolo XI - Riunioni

Sezione 1 ‑ Questo Club terrà una (1) riunione alla settimana. * Il giorno ed il luogo saranno stabilito dal Comitato Direttivo.

 Alternativa: da osservare se contemplato Sezione 1 ‑ Questo Club terrà due (2) riunioni regolarmente programmate al mese. Il giorno ed il luogo saranno determinati dal Comitato Direttivo.

*Nota ‑ Lo Statuto del Kiwanis International stabilisce che un Club abbia la scelta di tenere riunioni regolarmente programmate non meno di due (2) al mese e non più di una alla settimana.

 

Sezione 2 ‑ Se la riunione ordinaria del Club cade in giorni di festa o di vigilia, il Comitato Direttivo può fissare la riunione per un altro giorno durante la settimana interessata o cancellare la riunione, purché non vengano cancellate più di due (2) riunioni ordinarie durante l'anno amministrativo.

 

Sezione 3 ‑ Il Club può tenere altre riunioni a seconda dei desideri del Comitato Direttivo o dei Soci.

 

Sezione 4 ‑ Le riunioni regolari non dovranno avere la durata di più di una (1) ora e trenta (30) minuti, eccetto nelle occasioni speciali previa autorizzazione del Comitato Direttivo. (11 /98)

 

Sezione 5 ‑ La riunione annuale di questo Club dovrebbe essere tenuta in occasione di una riunione ordinaria non prima della prima riunione di aprile e non più tardi della seconda riunione di maggio. Ai Soci verrà data notizia, almeno due (2) settimane prima, della data e del luogo della riunione annuale. Un terzo (1/3) dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati del Club costituiscono il quorum. (11 /98)

 

Articolo XII - Candidatura ed elezione di Officer e Consiglieri

Sezione 1 ‑ L'elezione degli Officer e dei Consiglieri, eccetto il Segretario, deve essere effettuata nella riunione annuale.

Facoltativo: da osservare se contemplato

Questa decisione può essere modificata se viene richiesto che l'elezione del Segretario sia fatta dal Club nella riunione annuale, nel qual caso le sezioni 7 e 8 di questo articolo vengono modificate in conformità a tale modifica.

Sezione 2 ‑ La votazione deve essere effettuata con scheda e non può essere cumulativa. Soltanto i Soci Attivi, Senior e Privilegiati presenti e in "good standing" possono votare. Non sono ammesse votazioni per delega o per conto degli assenti.

 

Sezione 3 ‑ In una riunione ordinaria tenuta almeno cinque (5) settimane prima della riunione annuale il Presidente nomina un Comitato per le Candidature. Il Comitato è composto da non meno di cinque (5) Soci e, se possibile, la maggioranza deve essere composta da Past Presidenti. Il Presidente del Club designa il Presidente del Comitato. Il compito del Comitato è quello di fare delle candidature, con il consenso di coloro che vengono candidati e preparare le schede per l'elezione degli Officer e Consiglieri.

 

Sezione 4 ‑ Almeno due (2) settimane prima della riunione annuale il Comitato per le Candidature sottopone:

a.      Il Presidente Eletto come unica candidatura per l'ufficio di Presidente;

b.      Una lista di candidature non superiore a due (2) per ogni carica da ricoprire;

c.       Una lista di candidature non superiore al numero di Consiglieri da eleggere più tre (3).

Almeno una (1) settimana prima della riunione annuale, nel corso di una riunione ordinaria del Club, altre candidature possono essere avanzate seduta stante per ogni carica e ciò fatto tali candidature formeranno, insieme alla lista sottoposta dal Comitato ad hoc nominato, la lista finale da sottoporre per l'elezione di Officer e Consiglieri.

 

Sezione 5 ‑ Il Presidente nomina un Comitato per le Elezioni composto da non più di sette (7) Soci. I compiti di questo Comitato consistono nel distribuire, raccogliere e contare le schede e comunicare i risultati al Presidente il quale li annuncerà. La maggioranza dei voti espressi è necessaria per l'elezione di qualsiasi Officer. Se una votazione non raggiunge la maggioranza per il candidato proposto per qualsiasi carica, il Presidente stabilisce immediatamente l'ora e il luogo per un'ulteriore votazione per quella carica. Prima del seconda votazione il candidato che ottiene la votazione più bassa al primo turno viene escluso; ed in ogni votazione viene seguita la stessa procedura fino a che un (1) candidato avrà raggiunto la maggioranza di tutti i voti espressi.

 

Sezione 6 Se i nomi proposti per la candidatura sono più del numero dei Consiglieri da eleggere le persone che ricevono il più alto numero di voti occorrenti per essere eletti saranno dichiarati eletti.

 

Sezione 7 ‑ Il Segretario viene eletto entro una (1) settimana dalla riunione annuale dagli Officer e Consiglieri che compongono il Comitato Direttivo dell'anno successivo.

 

Sezione 8 ‑ Niente di quanto contenuto in questo articolo è ostativo al diritto di avanzare ulteriori candidature seduta stante durante la riunione.

 

Articolo XIII - Vacanza nelle cariche

Sezione 1 ‑ In caso di vacanza nella carica di Presidente, (sceglierne uno: [il Presidente Eletto] o [il Vice Presidente*]) lo sostituirà nella carica. In caso di vacanza nella carica di Presidente Eletto, Vice Presidente, Tesoriere o Consigliere, tale vacanza sarà colmata in una riunione ordinaria del Club mediante comunicazione della candidatura fatta una (1) settimana prima dal Comitato Direttivo. In caso di vacanza nella carica di Segretario tale vacanza sarà colmata dal Comitato Direttivo.

 * Se c'è più di un (1) Vice Presidente inserire "il primo" qui.

 

Sezione 2 ‑ Dopo l'elezione e prima del 1° ottobre in caso di impedimento o indisponibilità a ricoprire l'incarico da parte di un Officer Designato o di un Consigliere Designato, eccetto il Segretario, la vacanza sarà colmata in una riunione ordinaria di Club mediante comunicazione della candidatura fatta una (1) settimana prima dal Comitato Direttivo Designato. In caso di vacanza nella carica di Segretario per l'anno successivo, la vacanza sarà colmata dal Comitato Direttivo Designato.

 

Articolo XIV - Rimozione di Officer o Consiglieri

Sezione 1 ‑ Qualora risulti al Presidente o alla maggioranza del Comitato Direttivo del Club, o su domanda firmata dalla maggioranza dei Soci dell'intero Club e inoltrata al Comitato Direttivo del Club, che un Officer o un Consigliere mantengono una condotta sconveniente per un membro della famiglia Kiwanis o non svolgono i compiti della propria carica il Comitato Direttivo invierà comunicazione scritta dei fatti imputati all'Officer o Consigliere entro trenta (30) giorni (1 /00).  Entro i successivi trenta (30) giorni i Soci dell'intero Club terranno una riunione per valutare i fatti con almeno quattordici (14) giorni di preavviso affinché tutti i Soci possano intervenire a tale riunione. La validità di tale comunicazione si ritiene effettuata cinque (5) giorni dopo che tale convocazione è stata spedita. Nel caso che il Club con due terzi (2/3) dei voti di tutti i Soci rilevi che l'Officer o il Consigliere mantenga una condotta sconveniente per un membro della famiglia Kiwanis o non svolga i compiti del proprio ufficio e si dichiari quindi il posto vacante i Soci procederanno subito all'elezione di un nuovo Officer o Consigliere per colmare tale vuoto (1 /00).

 

Articolo XV - Obblighi Internazionali e Distrettuali

Sezione 1 Questo Club deve esercitare appieno i privilegi e i diritti di Socio del Kiwanis International e del Distretto e deve prontamente assolvere agli impegni imposti dal Kiwanis International e dal Distretto.

 

Sezione 2 Il Comitato Direttivo provvede alla pronta revisione, approvazione e spedizione di tutti i rapporti domandati od obbligatoriamente richiesti dal Kiwanis International o dal Distretto.

 

Sezione 3 ‑ Il Comitato Direttivo provvede prontamente al pagamento di tutte le  quote ed altri obblighi finanziari al Kiwanis International o al Distretto.

 

Sezione 4 Il Presidente e il Presidente Designato dovrebbero partecipare come  Delegati del Club alle Convention Internazionale e del Distretto.

 

Sezione 5 Nel caso in cui il Presidente o il Presidente Designato siano impossibilitati a partecipare alle Convention di Distretto o Internazionale questo Club elegge un Delegato Supplente.

 

Sezione 6 ‑ I Delegati e i Supplenti a tutte le Convention o ad altre riunioni del Kiwanis International o del Distretto devono essere eletti in data sufficientemente anticipata a tali riunioni per rispettare lo Statuto del Kiwanis International e del Distretto. Le spese previste per tali rappresentanti devono essere indicate nel  bilancio di previsione del Club. Il Comitato Direttivo provvede anche a inviare un idoneo rappresentante a qualsiasi altra riunione del Kiwanis International o   del Distretto a cui questo Club ha il privilegio di poter partecipare.

 

Sezione 7 ‑ Se questo Club è anche affiliato ad una Federazione i diritti, i privilegi e gli obblighi stabiliti in questo articolo con riferimento al Distretto si intendono riferiti anche alla Federazione.

 

Articolo XVI - Pubblicazioni Ufficiali*

*Nota: L'articolo XVI si riferisce soltanto ai Club esistenti negli Stati Uniti e nel Canada.

Sezione 1 ‑ Ogni Socio Attivo, Senior, Privilegiato e Onorario di un Club munito di Charter esistente negli Stati Uniti e in Canada, esclusi i Club di lingua francese in Canada, deve pagare un abbonamento alla pubblicazione ufficiale del Kiwanis International. Il prezzo dell'abbonamento sarà raccolto da ogni Socio Attivo, Senior e Privilegiato insieme alla quota sociale. Se i coniugi sono entrambi Soci di un Club Kiwanis un coniuge può non sottoscrivere l'abbonamento alla    pubblicazione ufficiale. Un Socio che appartiene a più di un Club Kiwanis deve indicare il proprio Club primario presso il quale l'abbonamento alla pubblicazione ufficiale dovrà essere pagato. (6/00)

 

Sezione 2 ‑ Questo Club annota le sottoscrizioni per le pubblicazioni ufficiali neri suoi registri contabili in uno speciale conto sottoscrizioni e tali sottoscrizioni devono essere inviate al Direttore Esecutivo del Kiwanis International. 

 

Articolo XVII - Attività Pubbliche

Sezione 1 ‑ Questo Club, tramite serene discussioni nelle sue riunioni o in qualsiasi altra circostanza, è incoraggiato a tenere i propri Soci e la comunità informati su tutte le questioni di importanza pubblica e su ogni proposta legislativa riguardante la comunità nella quale il Club è collocato.

 

Sezione 2 ‑ Questo Club ha il diritto e il dovere di tanto in tanto di esprimere con propri mezzi il suo punto di vista su tali questioni di interesse pubblico e sulle proposte legislative a condizione che nessun altro Club Kiwanis abbia lo stesso interesse.

 

Sezione 3 ‑ Quando un altro Club Kiwanis o un Club del Distretto è interessato a siffatte questioni pubbliche o proposte legislative, prima di esprimere un'opinione, questo Club deve riferire la questione, con il suo parere favorevole o contrario, al Consiglio Direttivo del Distretto. Se un Club o Club fuori Distretto sono interessati, il Club deve riferire la questione al Board of Trustees Internazionale. Previa approvazione delle proprie tesi rispettivamente dal Distretto o dal Board Internazionale, il Club può pubblicamente esprimere la propria opinione attraverso mezzi appropriati e legali.

 

Sezione 4 ‑ Questo Club non può essere usato in alcun modo per scopi politici né può, come Club, partecipare alla campagna elettorale di qualsiasi persona.

 

Articolo XVIII - Entrate

Sezione 1 ‑ Le quote di ingresso dei Soci e quelle annuali devono essere determinate dal Comitato Direttivo e approvate dal voto dei due terzi (2/3) dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati presenti in ogni riunione ordinaria, purché ne sia stata data notizia scritta ai Soci almeno due settimane prima della riunione. Tale tassa d'ingresso o quota annuale rimarranno in vigore fino a quando non saranno modificate secondo quanto stabilito in questa Sezione.

 

Sezione 2 ‑ Le entrate provenienti da fonti diverse da quelle definite in questo articolo possono essere raccolte come da decisione del Comitato Direttivo e approvate dal voto dei due terzi (2/3) dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati presenti ad ogni riunione ordinaria purché ne sia stata data notizia scritta ai Soci almeno due (2) settimane prima della riunione.

 

Sezione 3 ‑ Il denaro ricevuto dai programmi di raccolta a cui partecipi il pubblico o dai Soci ed altre persone per le attività di service sponsorizzate da questo Club, deve essere separato dai fondi amministrativi e deve essere usato esclusivamente per scopi di beneficenza, educativi, religiosi o per attività caritatevoli.

Sezione 4 ‑ Un Socio al di sotto dei venticinque (25) anni sarà sollevato dall'obbligo di pagare l'ammontare delle quote internazionali e di Distretto per un periodo di due (2) anni dalla data di entrata in questo Club purché il Socio sia stato precedentemente Socio di un programma sponsorizzata dal Kiwanis International. II Socio è tenuto al pagamento di tutte le somme in eccesso sull'ammontare delle quote internazionali e di Distretto.

 

Articolo XIX - Finanza

Sezione 1 ‑ Non più tardi del 15 ottobre il Comitato Direttivo deve adottare separati bilanci di previsione delle entrate e delle uscite dell'anno (1° ottobre ‑ 30 settembre) riguardanti le spese amministrative e i fondi per i service.

 

Sezione 2 ‑ I libri contabili dei Club devono essere verificati almeno una volta all'anno. I Revisori sono nominati dal Comitato Direttivo. I Revisori devono avere familiarità con bilanci finanziari, conciliarli con le risultanze bancarie (se necessario) e confrontarli con le entrate e le uscite dell'anno precedente. I Revisori devono essere Soci del Club ma non possono essere il Segretario o il Tesoriere. Una copia della relazione dei Revisori dovrà essere fornita all'attuale Comitato Direttivo e a tutti i Soci del Club, se richiesta. 

 

Sezione 3 ‑ Il Comitato Direttivo deve stabilire l'istituto o gli istituti depositari (dei fondi) e designare quali persone possono firmare gli assegni.

 

Sezione 4 ‑ Quando un Club si dissolve, si scioglie, gli viene revocata la Charter o cessa comunque di operare, e se vi sono fondi o altre proprietà del Club residue dopo che il Club abbia pagato tutti i debiti per i quali l'ultimo Comitato Direttivo non ha dato disposizioni, il Tesoriere deve versare tali fondi e donarà le proprietà alla Fondazione del Kiwanis International.

 

Articolo XX - Obblighi locali o nazionali

Sezione 1 ‑ Provvedimenti richiesti dalle leggi locali o nazionali come segue (elencare se vi sono):

 

Articolo XXI - Altre norme

Sezione 1 ‑ Per tutte le questioni non specificatamente previste in questo Statuto dovranno essere consultati in ordine di priorità i seguenti documenti attualmente in vigore e così come saranno emendati in futuro per decidere su tale materia:

1.      ‑Costituzione e Statuto del Kiwanis International.

2.      ‑Politiche e Procedure del Kiwanis International.

3.      ‑Statuto del Distretto.

  

Articolo XXII - Perdita di validità

Sezione 1 ‑ Nel caso in cui alcune disposizioni di questo Statuto divenissero non valide tutte le altre disposizioni restano in vigore.

 

Articolo XXIII - Norme di consultazione

Sezione 1 ‑ Per tutte le questioni importanti o di procedura che non sono specificatamente previste in questo Statuto l'Autorità consultiva è "Robert's Rules of Order Newly Revised"

 

Articolo XXIV - Emendamenti

 

Sezione 1 ‑ II presente Statuto può essere modificato se in conformità con la Costituzione e Statuto del Kiwanis International con i due terzi (2/3) dei voti dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati presenti in una riunione ordinaria purché venga data notizia ai Soci delle proposte modifiche con comunicazione scritta almeno due (2) settimane prima della riunione. Un terzo (1/3) dei Soci Attivi, Senior e Privilegiati costituiscono il quorum. Non sono ammessi voti per delega o per conto degli assenti.

 

Sezione 2 ‑ Se questo Statuto è in conflitto con la Costituzione e lo Statuto del Kiwanis International attuale o come sarà emendato in futuro, questo Club dovrà modificare questo Statuto in conformità con la Costituzione ed lo Statuto Internazionali.

 

Articolo XXV - Approvazione del Kiwanis International

Sezione 1 ‑ Questo Statuto e tutti gli emendamenti o aggiunte non entreranno in vigore senza l'approvazione del Kiwanis International.

 

 

  

 

Cerca nel sito con Google

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE FONDATA NEL 1915 A SERVIZIO DELLA COMUNITÀ E DEI BAMBINI

Sito Web curato da Rosalba Fiduccia  webmaster@kiwanis.it